Calabria7

Maltrattamenti, condanna annullata per un giovane calabrese

maltrattamenti-alt

Maltrattamenti, condanna annullata con rinvio. È quanto ha stabilito la sesta Sezione penale della Corte di Cassazione, all’esito dell’udienza tenutasi a Roma venerdì 5 novembre, nei confronti di un giovane originario di Cosenza, A.L., su ricorso proposto dall’Avvocato penalista Provino Meles del Foro di Castrovillari. Per l’uomo dovrà celebrarsi un nuovo processo dinanzi alla Corte di Appello di Catanzaro.

Era accusato di maltrattamenti a figli e coniuge

L’uomo, che all’epoca dei fatti viveva in un centro della Sibaritide, era accusato di aver maltrattato sia i figli, con schiaffi, pugni e calci in maniera continua per oltre dieci anni facendoli vivere in uno stato di terrore e paura, sia il coniuge, verso cui si sarebbero consumati i fatti più gravi.

Per come ricostruito nel corso dell’istruttoria di primo grado dinanzi ai giudici del Tribunale di Castrovillari,  oltre alle continue minacce di morte e alle offese, l’uomo avrebbe usato violenza fisica nei confronti della donna per oltre dieci anni, impedendole finanche di uscire di casa e inducendola ad abortire.  All’esito del giudizio di primo grado era giunta una sentenza di condanna a pena detentiva nonché al risarcimento dei danni alle parti offese. Sentenza poi confermata in secondo grado dai giudici di Appello.

Annullata la sentenza di condanna

La Corte, pronunciandosi sul ricorso della difesa, ha ora annullato la sentenza di condanna, disponendo il rinvio per nuovo esame dinanzi alla Corte di Appello di Catanzaro.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Droga: scoperto durante lo spaccio tenta la fuga, un arresto nel Reggino

Andrea Marino

Berlusconi: “Jole manca molto, troveremo un candidato che raccolga la sua eredità”

bruno mirante

Sicurezza, G. Graziano: “Distretto di polizia a Corigliano-Rossano”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content