Mancano gli interpreti, rinviata l’udienza contro i presunti scafisti del naufragio di Cutro

I testimoni, tutti afgani, erano collegati in videoconferenza dalla Germania, ma prima di iniziare ci si è resi conto che mancavano gli interpreti di lingua dari e farsi

È stata rinviata per la mancanza di interpreti di lingua dari e farsi l’udienza del processo contro i presunti scafisti del barcone naufragato a Cutro il 26 febbraio scorso: Sami Fuat, turco di 50 anni, Khalid Arslan, di 25 anni, e Ishaq Hassnan, di 22 anni, entrambi pakistani, tutti accusati di naufragio colposo, favoreggiamento all’immigrazione clandestina e morte in conseguenza di altro reato.
Stamani era prevista l’udienza con la rogatoria internazionale per ascoltare, su richiesta della Procura della Repubblica di Crotone, alcuni superstiti del naufragio nel quale sono morte 94 persone, di cui 35 minori.
I testimoni, tutti afgani, erano collegati in videoconferenza dalla Germania, ma prima di iniziare ci si è resi conto che mancavano gli interpreti di lingua dari e farsi. Presenti invece, nel Tribunale di Crotone, interpreti di tedesco, turco e urdu (lingua del Pakistan).

L’udienza aggiornata al 24 aprile

L’udienza aggiornata al 24 aprile

Il presidente del collegio, Edoardo D’Ambrosio, ha provato ad aprire l’udienza ascoltando uno dei testimoni che parlava un po’ di tedesco. Alla decisione si sono opposti sia il pm Pasquale Festa che i difensori degli imputati, gli avvocati Salvatore Perri e Teresa Paladini, in considerazione del fatto che la testimonianza era considerata molto importante ai fini processuali e che quindi andava garantita la traduzione esatta delle parole pronunciate. Ad un certo punto anche il giovane testimone afgano ha rinunciato, spiegando al Tribunale che non riusciva a capire tutte le domande tradotte in tedesco e che voleva poter rilasciare le sue dichiarazioni nella lingua madre.
L’udienza è stata aggiornata al prossimo 24 aprile ed il presidente ha chiesto la convocazione degli interpreti necessari per portare avanti la discussione. Al riguardo, dalla Germania hanno avvisato che il 24 aprile la sala a disposizione per la videoconferenza è disponibile solo fino alle 15.30 e quindi è stato deciso di anticipare di un’ora, alle 10.30, l’inizio dell’udienza. (Ansa)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved