Manna condannato per corruzione, il sindaco di Rende non ci sta: “Costruito un teorema”

Il primo cittadino non ha presentato le dimissioni. "C'è un gruppo che merita rispetto", ha affermato
manna

“Rispetto la sentenza per mio costume e attendo di conoscerne le motivazioni, ribadendo la mia totale innocenza ed estraneità ai fatti in quello che sembra un teorema costruito ad hoc”. Lo afferma, in una nota, Marcello Manna, sindaco di Rende (Cs), in seguito alla decisione del gup di Salerno che lo ha condannato insieme all’ex giudice della Corte d’Appello di Catanzaro, Marco Petrini, alla pena di 2 anni e 8 mesi di reclusione per il reato di corruzione in atti giudiziari relativamente al procedimento della Corte di Assise di appello a carico del boss Francesco Patitucci.

Le dichiarazioni di Petrini

Le dichiarazioni di Petrini

“Non posso non registrare – sostiene Manna – che la stessa Procura della Repubblica nella richiesta di pena ha definito il mio accusatore ondivago e non univoco nelle dichiarazioni rese, tanto da non meritare né la concessione delle attenuanti generiche, né quella relativa alla collaborazione. Sostanzialmente si sono ritenute poco credibili le dichiarazioni rilasciate del dottore Petrini”.

Analoga richiesta, fa rilevare Manna, “ha fatto il difensore del Petrini che, pur in presenza di una confessione, ha sollecitato l’assoluzione per una non uniformità nelle dichiarazioni rese. A tutto ciò – scrive – si aggiunga un audio-video che presenta numerose interruzioni e risulta “assemblato” per come per altro attestato dai consulenti sentiti in udienza. Posso, dunque, solo ribadire la mia totale innocenza ed estraneità ai fatti. Non credo che qualche inquirente che si è occupato della costruzione di questo teorema possa dire la stessa cosa. Forse non è prudente affermare ciò, ma come sosteneva Leonardo Sciascia: non ho il dono né della opportunità, né quello della prudenza. Si è come si è”, ha affermato il primo cittadino.

Manna non si dimette

Manna ha poi voluto ribadire che, quale atto di rispetto verso la propria comunità e la maggioranza che lo sostiene non ha presentato le dimissioni da sindaco: “C’è un gruppo che merita rispetto: la maggioranza incassa l’uscita dal pre-dissesto, è pronta per approvare il PSC, consegnerà una città, unica in Calabria, ad avere solo il segno più in qualsiasi ambito di crescita e sviluppo. Tutto ciò nonostante i plurimi e reiterati tentativi esterni di bloccare l’azione amministrativa. Ritengo che questa squadra sia in grado di dare contributo importante e sono fiducioso che questo gruppo può guidare la città e arrivare alla fine naturale di questa legislatura. Le scelte più importanti sono state ormai fatte: è ora di raccogliere i frutti di questo impegno”.

“Mi preme, infine, ringraziare la giunta, i consiglieri comunali, il personale amministrativo, i colleghi avvocati calabresi e non solo, la Camera Penale di Cosenza, per la vicinanza mostratami in queste ore. Ringrazio, poi, i tantissimi cittadini che mi stanno sommergendo di messaggi e attestati di solidarietà, cosi come i tanti amministratori. Un particolare ringraziamento va agli amici colleghi della giunta UCPI, guidata da Giandomenico Caiazza e ai miei difensori per la grande energia profusa nel processo che risulta essere ingiusto frutto di un clima inquisitorio di altri tempi. Antidemocratico – conclude – chi ha creato questo teorema, ma noi non abbiamo nulla da nascondere, né da temere”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un fenomeno drammatico e particolarmente preoccupante. La Polizia fornisce i numeri per consentire l'avvio immediato delle ricerche
Si terrà venerdì 31 maggio nell’Auditorium del Campus “Salvatore Venuta”, all’Università “Magna Graecia” di Catanzaro
E' stata avvistata a poca distanza dalle coste di Briatico, l’esemplare era in evidente stato di difficoltà
Vincitore del primo premio e di tutti i premi speciali in alcuni dei più prestigiosi concorsi internazionali per pianoforte
Datisi alla fuga, i malviventi hanno effettuato dei prelievi in due distinti uffici postali di Crotone per un totale di 850 euro
Il cancro del colon-retto rappresenta in Italia la terza neoplasia negli uomini e la seconda nelle donne.
Il governatore sottolinea l'importanza delle risorse ottenute in seguito all'accordo con il Ministero dell'Ambiente
In evidente stato di shock è stata affidata ai sanitari del Suem118 e trasportata in ospedale per accertamenti
L’attività di monitoraggio è andata avanti per tutta la notte e ancora in queste ore le strutture sul territorio sono allertate e pronte ad intervenire
Al convegno è intervenuto anche il procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, che ha parlato del ruolo egemone della ‘ndrangheta nel narcotraffico
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved