Calabria7

Marito e moglie uccisi nel Reggino, il figlio incrociò l’assassino

calanna

“Vado a casa a posare il fucile e poi torno”. È questa la frase che ha messo i Carabinieri sulle tracce del presunto assassino dei coniugi Giuseppe Cotroneo e Francesca Musolino, uccisi a colpi di fucile lo scorso 9 dicembre a Calanna, comune in provincia di Reggio Calabria. Un omicidio avvenuto in campagna mentre marito e moglie stavano raccogliendo olive insieme al figlio il quale si era allontanato per trasportare delle cassette, udendo degli spari in lontananza.

“Il figlio racconta che incrociando questa persona che era in macchina, chiedendo aiuto perché qualcuno avrebbe ucciso i suoi genitori, la prima cosa che fa, non si ferma per prestare aiuto ma afferma ‘vado a casa a posare il fucile e poi torno'”. È quanto ha detto il procuratore capo di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, durante la conferenza stampa tenuta in remoto, stamani, per illustrare i dettagli dell’arresto del presunto assassino, Francesco Barillà, cugino delle vittime.

LEGGI ANCHE: “Marito e moglie assassinati nel Reggino, svolta nelle indagini: i retroscena del delitto (VIDEO)”

LEGGI ANCHE: “Duplice omicidio a Calanna, arrestato il presunto assassino”

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Marijuana in un vivaio a Pizzo, passa dal carcere ai domiciliari Antonio Santacroce

Mimmo Famularo

Aeroporto Reggio, Confindustria: accelerare su lavori

Mirko

Coronavirus in Calabria, 51 nuovi casi positivi e nessun decesso

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content