Maschere e decorazioni di Carnevale “illegali”, maxi sequestro di 320mila prodotti a Crotone

Individuati due negozi con numerosi accessori e vestiti a tema privi dei requisiti previsti dagli standard di sicurezza
carnevale

In occasione degli imminenti festeggiamenti di Carnevale, la Guardia di Finanza di Crotone ha intensificato i controlli a tutela del mercato dei beni e dei servizi, con lo scopo di contrastare il commercio di articoli e prodotti potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori.
I Baschi Verdi del Gruppo, in questo contesto, hanno individuato due esercizi commerciali dislocati sul territorio della provincia pitagorica che avevano allestito i loro negozi con numerosi accessori e vestiti a tema.
La verifica avviata sui prodotti rinvenuti ha permesso di constatarne la loro difformità rispetto ai requisiti previsti dagli standard di sicurezza dettati dalla normativa europea e nazionale, in quanto risultati privi delle informazioni indispensabili per il consumatore quali ad esempio le precauzioni d’uso e la loro descrizione in lingua italiana. L’apposizione di tali diciture, lo si ricorda, garantisce la consapevolezza della qualità del prodotto e, soprattutto, il suo utilizzo in piena sicurezza.
Nel corso di tali attività sono stati sottoposti a sequestro complessivamente oltre 320.000 prodotti molti dei quali esposti sugli scaffali e, quindi, immessi in commercio.

I prodotti sequestrati

Fra la merce sequestrata figurano maschere di Carnevale ed altre decorazioni in tema con l’imminente ricorrenza (costumi allegorici, papillon, parrucche, cappellini ed adesivi glitterati).
Detti prodotti, di valore commerciale complessivo di oltre diverse migliaia di euro, sono stati così tolti dal mercato e i titolari delle imprese ispezionate segnalati alla Camera di Commercio di Crotone per l’irrogazione delle previste sanzioni pecuniarie da un minimo di 516 ad un massimo di 25.823 euro. L
’attività operativa compiuta sottolinea, ancora una volta, il ruolo primario della Guardia di Finanza nella tutela del mercato dei beni e dei servizi e nel contrasto della diffusione di prodotti non conformi agli standard di sicurezza, contribuendo così a garantire una protezione efficace per i clienti finali, soprattutto, come in questo caso, quando il mercato è orientato ad una platea di giovanissimi consumatori.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il racconto di un uomo di 56 anni sopravvissuto perché ha ricevuto microbiota fecale e fegato
La decisione del preside dell'Istituto Munari di Crema fa discutere ed è diventata un caso politico
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico. Il personale di Anas è sul posto per la gestione della viabilità
Un’opera rock di assoluto valore artistico, storico e culturale, che ci riporta al popolo dei Bretti e al mito di Donna Brettia
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved