Mattarella: “La gestione dei flussi migratori sia comune e lungimirante”

Il presidente della Repubblica apre i lavori dell'ottava edizione dei "Mediterranean dialogues" e interviene sul conflitto in Ucraina
mattarella iran

“La crescita dei Paesi posti sulle rive del Mediterraneo passa anche per una comune e lungimirante gestione dei flussi migratori che impoveriscono i Paesi di origine di energie utili allo sviluppo delle loro comunità”. Sergio Mattarella apre i lavori dell’ottava edizione dei Mediterranean dialogues e sottolinea come le migrazioni siano “una questione decisiva e globale – come ben sa l’Organizzazione internazionale delle migrazioni – legata a  dinamiche demografiche e d’interconnessione mondiale che appare vano pensare possa eclissarsi e che dobbiamo, invece, in una logica di comune interesse, impegnarci a gestire”.

Per il presidente della Repubblica “anche su questo terreno diplomazia, istituzioni nazionali ed internazionali, a cominciare dall’Unione europea, sono chiamate a un impegno comune fra loro e con quei Paesi – penso alla difficile situazione che continua ad attraversare la Libia – più esposti a questo fenomeno”. “Anche in questo caso sono in gioco la vita, il destino e la dignità degli esseri umani” sottolinea il Presidente.

Per il presidente della Repubblica “anche su questo terreno diplomazia, istituzioni nazionali ed internazionali, a cominciare dall’Unione europea, sono chiamate a un impegno comune fra loro e con quei Paesi – penso alla difficile situazione che continua ad attraversare la Libia – più esposti a questo fenomeno”. “Anche in questo caso sono in gioco la vita, il destino e la dignità degli esseri umani” sottolinea il Presidente.

La gestione delle migrazioni “è questione cruciale per la stabilità e per la prosperità dell’Unione Europea e per la stabilità e la prosperità del nostro vicinato meridionale” prosegue Mattarella, che spiega come “proprio la dimensione e la complessità delle prove che abbiamo davanti a noi ci deve spingere ad affrontarle assieme, in uno spirito di forte solidarietà”.

“Guerra o pace?”

“Ancora una volta siamo di fronte al bivio. Cosa permette di guardare al progresso dell’umanita’? La guerra o la pace?”. Mattarella con una domanda retorica dipinge poi la situazione di questi mesi dopo “l’inaccettabile aggressione” russa all’Ucraina: “Dobbiamo partire da quei principi posti alla base della nostra convivenza civile e fondati nel quadro delle Nazioni Unite”.

“Per consolidare il sistema multilaterale e renderlo più democratico, occorre fare riferimento alla uguaglianza fra gli Stati, rifuggendo da una polarizzazione a livello internazionale e da una esasperazione di diversità, certo esistenti, che un dialogo efficace può contribuire a ridurre”. Il presidente indica così il metodo da conservare per superare il conflitto ucraino, affrontare le principali crisi e “lavorare assieme per il consolidamento dei processi istituzionali e democratici, soprattutto laddove essi sono più direttamente minacciati, come in Siria e nella regione del Sahel”.

Per il presidente della Repubblica “oggi, nel rispetto delle nostre differenze culturali e politiche, il moltiplicarsi di scenari di crisi ci deve infatti spingere ad approfondire ed estendere la nostra collaborazione per affrontare, come avvenuto in passato, le sfide che abbiamo dinnanzi”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il direttore delle filiali dell’istituto di credito Danilo Silvaggio: "Lavoriamo nella trasparenza per essere più vicini alle imprese sane"
Ulteriori interventi sono stati predisposti all'inizio della settimana, con l'obiettivo di ridurre il più possibile i disagi
La giovane cosentina è stata riconosciuta per aver portato in alto il nome della città anche in contesti artistici nazionali di rilievo
Utenti in tutta Italia segnalano prelievi non autorizzati di migliaia di euro, il Codacons: “Violata ogni più elementare regola di correttezza”
Il governatore mostra sui social le caratteristiche del macchinario di ultima generazione, posizionato al pronto soccorso
Secondo i dati della Coldiretti si stima che verranno spesi circa 2,5 miliardi di euro. In media 6 persone a tavola, con un budget 40-40 euro a testa
Martucci subentra a Giuseppe Lanaia in quiescenza dal 1 aprile per sopraggiunti limiti di età
Il Tribunale di Castrovillari ha accolto totalmente le richieste dell’avvocato di difesa di N.F., imputato per traffico di droga
Gli avvocati hanno proposto ricorso contro il verdetto del gup. La Corte di appello di Catanzaro ha fissato il processo bis a giugno
Il torneo è avvenuto nella piscina comunale di Pizzo Calabro. Vincitrice proprio la compagine guidata da mister Enzo Mirante
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved