Matteo Messina Denaro: “Le carte d’identità false? Me le procuravo io da Roma”

Il boss esprimeva il suo disprezzo per le nuove leve mafiose nel suo ultimo incontro con i magistrati
messina denaro

 “C’erano anche delle tessere, carte di identità vuote. Credo ce ne fossero 20,15. Io ne ho sempre avute a quantità.  Tutti i miei documenti vengono da Roma perché a Roma ci sono documenti per chiunque, documenti seri. C’è una strada in cui vanno tutti”. Matteo Messina Denaro, interrogato il 7 luglio scorso dai pm palermitani, parlava così dei documenti falsi usati durante la latitanza, smentendo di esserseli procurati attraverso i suoi favoreggiatori trapanesi e indicando in un non ben precisato falsario romano la fonte delle sue carte di identità taroccate. Il verbale di interrogatorio è stato depositato ieri.

 Nello stesso verbale, il boss esprimeva il suo disprezzo per le nuove leve di Cosa Nostra. “Il mio mondo viene trasfigurato, non una metamorfosi normale, proprio una cosa indecente”.  “Non potete mettere menomati mafiosi, senza voler offendere i menomati – ha spiegato  – quando cominciate a prendere basse canaglie, gente a cui non rivolgevo nemmeno il saluto e li arrestate per mafiosità, allora in quel momento il mio mondo è finito, raso al suolo”. Messina Denaro fa anche i nomi dei nuovi boss che disprezza: come Gino u mitra, Gino Abbate, boss palermitano della Kalsa.  “Fa più schifo – dice – di qualcuno che lo ha generato e lo fate passare per mafioso?”. “I veri mafiosi sono altri, sono in giro”, conclude. Si tratta dell’ultimo incontro di Messina Denaro con i magistrati: il capomafia morirà due mesi dopo.

 Nello stesso verbale, il boss esprimeva il suo disprezzo per le nuove leve di Cosa Nostra. “Il mio mondo viene trasfigurato, non una metamorfosi normale, proprio una cosa indecente”.  “Non potete mettere menomati mafiosi, senza voler offendere i menomati – ha spiegato  – quando cominciate a prendere basse canaglie, gente a cui non rivolgevo nemmeno il saluto e li arrestate per mafiosità, allora in quel momento il mio mondo è finito, raso al suolo”. Messina Denaro fa anche i nomi dei nuovi boss che disprezza: come Gino u mitra, Gino Abbate, boss palermitano della Kalsa.  “Fa più schifo – dice – di qualcuno che lo ha generato e lo fate passare per mafioso?”. “I veri mafiosi sono altri, sono in giro”, conclude. Si tratta dell’ultimo incontro di Messina Denaro con i magistrati: il capomafia morirà due mesi dopo.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved