Maxi operazione nel carcere di Rossano: trovata una grande quantità di cellulari, droga e armi rudimentali

Il sindacato degli agenti della polizia penitenziaria: "Mancano supporti tecnologici che consentano di operare in più sicurezza"

Una maxi operazione della polizia penitenziaria all’interno della Casa di Reclusione di Corigliano-Rossano ha rinvenuto una grande quantità di telefoni cellulari del tipo Smartphone e microtelefoni, auricolari senza fili, caricabatterie, droga e armi rudimentali. Il codice penale prevede oggi una condanna da uno a quattro anni nel caso di ingresso e detenzione illecita di telefoni nelle carceri, ciò nonostante, il fenomeno non sembra diminuire.

“Da sempre il Sinappe è vicino alle innumerevoli problematiche del Penitenziario di Rossano, ma certamente nulla poteva lasciar presagire una possibilità di tale entità: il personale di Polizia penitenziaria necessita di sostegno, di idonei supporti tecnologici che consentano di operare in sicurezza, schermature che rendano impossibile la comunicazione con l’esterno”, ha affermato il SiNAPPe (Sindacato Nazionale Autonomo Polizia Penitenziaria) in nota.

“L’augurio più grande che si possa fare è che l’Amministrazione prenda atto di quanto rinvenuto e che si accendano i riflettori sul Penitenziario di contrada Ciminata in considerazione, soprattutto, della tipologia dei detenuti che vi sono ristretti”, ha sottolineato il sindacato.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L’ente bilaterale del turismo è un’associazione no profit che eroga servizi ai lavoratori e alle imprese aderenti allo stesso
Una circolare del ministero della Salute ha sollevato il problema rispetto a questa sostanza
Appuntamenti in favore delle famiglie e soprattutto dei più piccoli per trascorrere in serenità il fine settimana
Per lui non c'è stato nulla da fare. La Procura ha aperto un'inchiesta per ricostruire quanto accaduto
Nove tifosi della squadra rossoblù colpiti da Daspo, nei confronti di due indagati si ipotizza anche la rissa
Resta un disperso. Tre i feriti, due gravi, ma non in pericolo di vita
La domanda di partecipazione al concorso deve essere presentata entro le 12 del 2 marzo 2024
A bloccare i migranti sono stati i carabinieri che hanno anche sequestrato un barcone di 10 metri
Oltre 260mila euro di sanzioni amministrative irrogate e proposte di chiusura per 3 locali pubblici
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved