Maxi operazione tra Lazio, Campania e Puglia: 28 misure cautelari: L’ultimo boss della Magliana tradito dalla droga

ln regime di semilibertà avrebbe mantenuto rapporti con esponenti della 'ndrangheta, della camorra, della mafia foggiana

Il regime di semilibertà non gli avrebbe impedito di pianificare cessioni e acquisti di ingenti quantitativi di droga dall’estero e di mantenere rapporti con esponenti della ‘ndrangheta, della camorra, della mafia foggiana e anche con un gruppo di albanesi inseriti in un importante cartello di narcos colombiano. Marcello Colafigli, storico big della Banda della Magliana, è stato arrestato di nuovo al termine di un’indagine dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, coordinati dalla Dda della Procura.

La maxi operazione è scattata all’alba nelle province di Roma, Napoli, Foggia e Viterbo. Ventotto le misure cautelari (11 in carcere, 16 ai domiciliari e un obbligo di firma) con accuse, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, di tentata rapina in concorso, tentata estorsione in concorso, ricettazione e possesso illegale di armi, procurata inosservanza di pena e favoreggiamento personale. Per l’operazione sono stati impiegati 150 militari dell’Arma territoriale, equipaggi di supporto, nuclei cinofili ed elicotteristi.

La maxi operazione è scattata all’alba nelle province di Roma, Napoli, Foggia e Viterbo. Ventotto le misure cautelari (11 in carcere, 16 ai domiciliari e un obbligo di firma) con accuse, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, di tentata rapina in concorso, tentata estorsione in concorso, ricettazione e possesso illegale di armi, procurata inosservanza di pena e favoreggiamento personale. Per l’operazione sono stati impiegati 150 militari dell’Arma territoriale, equipaggi di supporto, nuclei cinofili ed elicotteristi.

Il sodalizio criminale

Dalle indagini, avviate dai carabinieri quattro anni fa, è stata accertata l’esistenza del sodalizio criminale con base logistica nella capitale, operativo nell’area della Magliana e sul litorale laziale. A capo – secondo gli inquirenti – c’era proprio il 70enne ‘Marcellone’ Colafigli, uno dei promotori della Banda della Magliana, che si è guadagnato il personaggio il ‘Bufalo’ nella popolarissima serie tv Romanzo criminale. Gravato da più ergastoli, Colafigli è stato condannato tra l’altro per il sequestro e l’omicidio del duca Massimo Grazioli Lante della Rovere (considerata l’azione con cui la Banda ha iniziato la propria attività criminale) e l’omicidio, come mandante, di Enrico De Pedis. Dalle indagini è emerso che, grazie alla compiacenza della responsabile di una cooperativa agricola dove avrebbe dovuto svolgere l’attività lavorativa prevista dal regime di semilibertà, ha ottenuto la possibilità di allontanarsi a suo piacimento e di incontrare all’interno della cooperativa i propri sodali pianificando così un “rilevante” numero di importazioni di cocaina ed hashish.

“Tu sei una bomba atomica”

Avrebbe, inoltre, programmando la fuga all’estero in un “prossimo futuro” con i proventi di questi affari e l’utilizzo di documenti falsi. Proprio per questo anche la responsabile della cooperativa è stata colpita da misura cautelare. Il gip nell’ordinanza parla di “eccezionale attitudine criminale” e di “disinvoltura a intrattenere legami con figure criminali di primo piano ma, ancora più, dall’impermeabilità al trentennale periodo di carcerazione non essendo mutate né l’indole né la conoscenza delle dinamiche criminali nel territorio romano e nazionale”. “Tu sei una bomba atomica, sei una figura troppo importante”, gli diceva l’autista e guardaspalle in una conversazione intercettata citata nell’ordinanza del gip. 

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved