Medici contrari al vaccino, l’ordine dei medici apre un’inchiesta

Coronavirus in Calabria,

L’ordine dei medici di Roma apre un’inchiesta nei confronti di 13 suoi iscritti. Il motivo? Dieci di loro, attraverso varie modalità, avrebbero manifestato la convinzione che i vaccini non servono. La loro riluttanza non riguarda il vaccino anti-Covid, ma si riferisce ad episodi relativi al 2018-2019. Gli ultimi tre, invece, hanno mostrato la loro contrarietà alla somministrazione del vaccino anti-Covid.

“Rimango perplesso quando sento di colleghi medici o infermieri restii a farsi il vaccino”, ha commentato il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri. “Posso capire il cittadino che magari non ha delle basi scientifiche consolidate e non ha studiato medicina e può avere una certa riluttanza a farsi il vaccino, ma penso francamente che quei medici e quegli infermieri, se hanno ancora dei dubbi dopo aver visto ciò che è accaduto, probabilmente hanno sbagliato lavoro”.

“Rimango perplesso quando sento di colleghi medici o infermieri restii a farsi il vaccino”, ha commentato il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri. “Posso capire il cittadino che magari non ha delle basi scientifiche consolidate e non ha studiato medicina e può avere una certa riluttanza a farsi il vaccino, ma penso francamente che quei medici e quegli infermieri, se hanno ancora dei dubbi dopo aver visto ciò che è accaduto, probabilmente hanno sbagliato lavoro”.

In Italia sono circa un centinaio i medici considerati “negazionisti” sulla somministrazione dei vaccini, compreso quello anti-Covid. “È un problema che non nasce adesso – ricorda Filippo Anelli, presidente della federazione degli ordini dei medici – e ne abbiamo avuto già diversi esempi nel periodo della Lorenzin e dei vaccini obbligatori per i bambini. Ma è un’esigua minoranza, magari rumorosa, su cui sono in corso le inchieste degli ordini e in qualche caso ci sono già state sanzioni”.

C’è chi pensa all’obbligo vaccinale per i camici bianchi: “Noi non siamo contrari – sottolinea Anelli – ma bisogna trovare un giusto equilibrio tra la Costituzione, che dice che a nessun cittadino possono essere imposti trattamenti medici, e la situazione contingente. Il diritto di rifiutarsi può venire meno se mette in crisi la convivenza civile, mettendo a rischio la salute pubblica, che è un interesse superiore. Ma su questo – conclude – deve decidere il Parlamento, come successe con i vaccini obbligatori stabiliti dall’allora ministro Lorenzin. Sicuramente è un’opzione possibile, specie in certi reparti in prima linea, ad esempio pneumologia”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
È stato arrestato il responsabile in un istituto di Vantaa, vicino Helsinki. La polizia ha invitato i residenti della zona a rimanere in casa
La società aprirà sportelli informativi sia a Messina che a Villa San Giovanni per l’analisi della documentazione relativa al piano espropri
La vicesindaca Giusy Iemma: “Contrastare la discriminazione e l’isolamento di cui sono ancora oggi vittime le persone autistiche e le loro famiglie”
Segnalati alcuni giovani in possesso di sostanze stupefacenti, A Soverato un controllo dei detentori di armi da fuoco ha accertato diverse violazioni
Il progetto, finanziato dalla Regione, scadrà a giugno. L’assessore Giusy Pino: “Le risorse sono fondamentali per dare continuità ai servizi”
La professoressa Neto era la moglie del compianto sindaco Italo, che ha guidato la città dal 1993 al 2001 prima di morire a causa di una leucemia
Tanti i monumenti illuminati di blu. Secondo gli esperti ancora c’è molto da fare sui fronti della ricerca e della diagnosi precoce
Scomparsa nel nulla da una settimana, la donna è stata ritrovata senza vita in un canale. L'allarme è stato dato da un passante
Il gruppo denuncia una situazione di “degrado e incuria in città. Lo segnaliamo da diversi mesi senza avere alcun riscontro”
L'iniziativa è destinata ai piccoli comuni con meno di 5mila abitanti: I sindaci potranno iscriversi entro il prossimo 30 aprile
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved