Calabria7

Medici denunciano assurda disorganizzazione nei centri vaccinali in Calabria

vaccino-alt

Vaccinazioni Covid 19 e caos in Calabria. Il Sindacato Medici Italiani denuncia disservizi enormi. “Nella recrudescenza della pandemia, ripresentatasi in questo periodo, c’è la necessità nell’area di Paola, nelle città vicine del Tirreno cosentino di effettuare tantissime vaccinazioni per rispondere alla domanda di salute dei  cittadini. I medici di medicina generale – ricorda il sindacato SMI – cercano di svolgere i propri compiti, in scienza e coscienza, anche in presenza di questa situazione di estrema gravità dovuta all’emergenza sanitaria scaturita dalla pandemia da Covid 19, ma sono penalizzati da una disorganizzazione nella distribuzione delle dosi vaccinali. In questo contesto ci preme denunciare la grave carenza organizzativa  di cui la Protezione Civile e l’Azienda Sanitaria Provinciale di Cosenza (ASP) sono  responsabili. Per primo, va segnalato,  che l’hub vaccinale della zona funziona solo due pomeriggi  a settimana; per secondo, poi, va evidenziato che nella zona vengono organizzati dei vax day,  (di cui si apprende l’organizzazione solo  attraverso i mass media e non per vie ufficiali), nei quali i medici di famiglia non vengono coinvolti”.

Situazione paradossale e discriminatoria

“Per finire va rilevata  la questione più grave: i medici  per  vaccinare  i pazienti, dopo avere  stilato un  elenco nominale,  devono  recarsi a Castrovillari, a quasi cento chilometri di distanza,  per ritirare i flaconi con il vaccino e riportare, poi, i flaconi che si svuotano. È una situazione paradossale e discriminatoria – allerta il SMI calabrese – che penalizza le attività dei medici e  lede il diritto alla salute dei cittadini. Per i farmacisti, invece,  non si ripete la stessa situazione perché attraverso l’impegno di Federfarma  a loro vengono consegnati  i flaconi direttamente in farmacia. Proponiamo, per queste ragioni, che presso l’hub vaccinale del  Palatenda di Paola si permetta ai medici di famiglia di Paola,  delle città vicine del Tirreno cosentino, il ritiro dei vaccini, consentendo, così, di non sprecare tempo inutile per pratiche burocratiche che hanno poco a che vedere con la salute. La Protezione Civile e l’ASP di Cosenza devono assicurare ai  medici di famiglia di Paola e dei centri del Tirreno cosentino le condizioni minime di agibilità per le attività mediche  e garantire ai cittadini il diritto alla salute. Si metta  fine a questa odiosa disorganizzazione”.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Dimissioni reggente Asp Cosenza, Guccione: “Sanità allo sbando”

Mirko

Coronavirus, tre casi positivi rientrati da fuori regione

Matteo Brancati

Covid free un altro Comune cosentino: positivi solo in 19

Francesco Cangemi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content