Monsignor Giovanni Checchinato è il nuovo arcivescovo della Diocesi di Cosenza

Nato a Latina nel 1957 ha diretto la Diocesi di San Severo - comune in provincia di Foggia - dal 2017 per cinque anni di episcopato
Monsignor Giovanni Checchinato

Dopo la prematura scomparsa del compianto Monsignor Francesco Nolè, il nuovo vescovo scelto per guirdare l’arcidiocesi di Cosenza-Bisignano – la cui sede si era resa vacante dallo scorso 15 settembre – sarà Monsignor Giovanni Checchinato. Nato a Latina nel 1957 ha diretto la Diocesi di San Severo – comune in provincia di Foggia – dal 2017 per cinque anni di episcopato. L’annuncio del nuovo rappresentante del Papa è previsto in Cattedrale alle ore 12 della giornata odierna, sabato 10 dicembre. Non è passata inosservata in questi ultimi tempi l’attenzione pastorale di Monsignor Giovanni Checchinato alle tematiche degli ultimi e degli indifesi che ha cristallizzato nel libro “Omelia per gli invisibili”, presentato il mese scorso a San Severo alla presenza del procuratore di Foggia Ludovico Vaccaro.

Formazione e ministero sacerdotale

Formazione e ministero sacerdotale

Monsignor Giovanni Checchinato consegue il baccalaureato in teologia nel Pontificio Collegio Leoniano di Anagni, di cui poi sarà rettore dal 2005 al 2015. Viene ordinato sacerdote il 4 luglio 1981, incardinandosi nell’allora diocesi di Terracina-Latina. Consegue la licenza in teologia morale presso l’Accademia alfonsiana di Roma e frequenta il percorso accademico per il conseguimento del dottorato presso la Pontificia Università Gregoriana. Nel 1995 partecipa al corso di perfezionamento in bioetica diretto dal professor Giovanni Berlinguer presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Nel 2008 consegue il master di 2º livello in counselling socio educativo presso l’Università Pontificia Salesiana.

Ministero episcopale

Il 13 gennaio 2017 papa Francesco lo nomina vescovo di San Severo. Il successivo 23 aprile, nella chiesa parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù a Latina, riceve l’ordinazione episcopale da Mariano Crociata, vescovo di Latina-Terracina-Sezze-Priverno, coconsacranti il vescovo Lucio Angelo Renna, suo predecessore a San Severo, e Felice Accrocca, arcivescovo metropolita di Benevento, anch’egli originario della diocesi di Latina-Terracina-Sezze-Priverno; il 6 maggio prende possesso canonico della diocesi, diventandone così il 41º vescovo.

Nominato anche il vescovo di San Marco Argentano

Papa Francesco ha accettato la rinuncia al governo pastorale della Diocesi di San Marco Argentano-Scalea presentata da monsignor Leonardo Bonanno. Lo fa sapere la Sala Stampa Vaticana.
Al contempo il Pontefice ha nominato vescovo di San Marco Argentano-Scalea il Rev.do Mons. Stefano Rega, del clero della Diocesi di Aversa, Parroco e Direttore del Centro Diocesano Vocazioni.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'Eurocamera "condanna le istruzioni date dal governo italiano di sospendere la registrazione delle adozioni delle coppie omogenitoriali"
Nelle quattro giornate sono state effettuate diverse simulazioni in modo da testare più scenari con diverse difficoltà operative
Nella giornata di martedì sono state completamente rimosse le sorgenti orfane che erano state precedentemente messe in sicurezza all’interno di blocchi di cemento
La difesa si oppone per un problema di procedura. Deve scontare la condanna all'ergastolo per il duplice omicidio dei fratelli Bartolomeo
Al prefetto di Crotone è stata consegnata in dono una maschera apotropaica come augurio per il recente insediamento
Il Pontefice, rende noto la Santa Sede, ricoverato da ieri al Policlinico Gemelli ha riposato bene durante la notte e proseguono le cure programmate
Questo il bilancio di un’operazione della Dia di Catanzaro, coordinato dalla Procura Distrettuale Antimafia
Clementino della Piana sarà il liquore presentato in prima assoluta in Italia, insieme alle altre specialità Caffo e ai nuovissimi cocktail pronti per conquistare l’ora dell’aperitivo
Questi i dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid comunicati dale Asp della Regione
Il nuovo convoglio ferroviario rappresenta un salto generazionale, perché può viaggiare con motori diesel su linee non elettrificate
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved