Calabria7

Morire soli ai tempi del Covid. La denuncia di Franco Corbelli

oss annunziata ospedale cosenza

“Due povere donne, una disabile grave e non autosufficiente, morte all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza senza, che, per colpa delle regole anti Covid, abbiano avuto la possibilità di avere accanto un familiare. Nonostante entrambe non avessero nulla a che fare con il coronavirus”. E’ quanto denuncia il leader del movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, dopo aver ricevuto le segnalazioni da parte di alcuni parenti delle due povere donne, esattamente una sorella della persona disabile e una figlia dell’altra paziente. Corbelli riferisce degli ultimi, gravi episodi verificatosi proprio nelle ultime ore.

“Dopo molti giorni di ricovero in coma, all’ospedale ‘Annunziata’ di Cosenza, una donna disabile, muore senza aver potuto vedere nessuna delle sue tre sorelle. Nonostante la povera donna non avesse nulla a che fare con il Covid, sempre negativa a tutti i tamponi effettuati, dal momento del suo arrivo in ospedale, oltre 20 giorni fa, dove era stata trasferita, da una clinica privata, per l’aggravarsi delle sue condizioni di salute(per diverse patologie), non ha potuto vedere nessuna delle sue tre sorelle che più volte avevano fatto richiesta di poterla vedere”.

Corbelli alla luce anche di questi due nuovi casi, torna a denunciare e a promuovere una campagna, sulla pagina Fb di Diritti Civili, per cancellare quella che definisce “una vera disumanità, il dramma vero e, purtroppo, silenzioso, che, per colpa, del Covid, si sta verificando, negli ospedali(ma vengono segnalati casi simili anche nelle cliniche private), dove ai malati, delle diverse patologie (non dovute all’epidemia), viene di fatto impedito di poter incontrare un familiare(anche uno solo!) e tanti di loro addirittura, come è accaduto anche negli ultimi giorni, muoiono senza avere accanto, né visto, per l’ultima volta, senza quindi neppure il loro conforto, un congiunto”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, studio sui danni neurologici: ictus, cefalea e nebbia cognitiva

Maria Teresa Improta

Escluso dalla scuola calcio perché è down, la denuncia di un papà: “Io non mollo”

Damiana Riverso

Vaccinazioni anti-Covid, operativo il portale per le prenotazioni

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content