La movida cosentina preoccupa Morcavallo e Rende

movida cosenza

La movida cosentina preoccupa i consiglieri comunali d’opposizione Enrico Morcavallo e Bianca Rende. La preoccupazione dei due esponenti politici è che la movida non rispetti le regole previste per evitare contagio Covid.

Non abbassare la guardia sulla movida

Non abbassare la guardia sulla movida

“Rispetto delle regole e senso di responsabilità sono la migliore forma di democrazia e la più efficace arma che abbiamo contro il virus Covid. Abbassando la guardia in questo momento si rischia concretamente di creare un danno irreversibile per tutta la comunità”.

Questo è il commento di Enrico Morcavallo, consigliere comunale di Cosenza e componente nazionale della commissione sicurezza e legalità Anci – Associazione nazionale Comuni italiani – in accordo con la consigliera comunale di Italia Viva Bianca Rende, componente della commissione nazionale welfare di Anci, in riferimento agli assembramenti verificatisi in alcuni locali notturni della città dei Bruzi ed in località turistiche del litorale tirrenico cosentino.

Diverse segnalazioni preoccupate

“Abbiamo ricevuto diverse segnalazioni, giunte da più parti – dicono i due consiglieri comunali – in riferimento soprattutto al sabato sera, riguardanti svariati assembramenti di persone, in prossimità di alcuni locali notturni, senza alcuna protezione individuale, né rispetto delle distanze minime di sicurezza”.

“Il nostro territorio ha seguito scrupolosamente le norme di sicurezza delle autorità sanitarie nazionali e per questo è praticamente Covid free, fatta eccezione ovviamente degli ultimi casi, già noti alla cronaca, dopo Amantea è di queste ore la notizia di un caso sul volo Londra–Lamezia Terme – continuano gli esponenti Anci –  Non possiamo permetterci l’errore di dimenticare la situazione di alcune regioni del Nord del paese e dei focolai che ancora si accendono, pensiamo a Veneto, Lombardia e Piemonte che, sebbene non più in allarme rosso, non sono comunque fuori pericolo”.

Morcavallo: “Dobbiamo fare attenzione”

“Sono consapevole che il turismo è importante e che il lockdown ha provato tutti noi cittadini – ribadisce Enrico Morcavallo – ma abbassare troppo la guardia proprio in questo momento rischia di innescare una bomba ad orologeria che potrebbe portare ad una temuta e pericolosissima seconda ondata del Covid 19. Dobbiamo ricordare che l’attenzione per la salute è la prima vera difesa contro la pandemia e che, come ricordava un famoso spot, prevenire è meglio che curare.

“In qualità di organo preposto all’attuazione delle direttive ministeriali ed al coordinamento delle forze di polizia, ed anche in qualità di responsabile provinciale dell’ordine e della sicurezza pubblica – conclude – mi appello, di concerto con la consigliera Rende, al Prefetto di Cosenza, affinché si attivi, anche con l’ausilio dei militari, per reprimere questo dilagante quanto illegittimo modus operandi”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
Sul posto oltre 15 unità dei vigili del fuoco che hanno lavorato per oltre un'ora nello spegnimento delle fiamme. Al via le operazioni per risalire alle cause del rogo
Sarà attivo il servizio sostitutivo via bus ma non si escludono disagi dal momento che l'intervento avviene nel periodo estivo
Avrebbero causato danni per circa mezzo milione di euro tra furto di energia elettrica e danneggiamenti ai contatori Enel
Secondo le ipotesi accusatorie avrebbero falsamente dichiarato un reddito inferiore rispetto alal soglia minima richiesta per legge
garbino
Ci sono anche due avvocati coinvolti nell'inchiesta della Dda di Catanzaro, nome in codice Garbino
Le armi vendute alle più importanti cosche calabresi, dai Giampà di Lamezia, agli Arena di Isola, ai Mancuso di Limbadi
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved