Movida violenta nel Vibonese, fermato con una mazza di legno in auto

L'uomo denunciato per detenzione abusiva di oggetti atti ad offendere aveva nel bagagliaio una mazza occultata nel vano della ruota di scorta

Nel corso dell’ultima settimana, su disposizione del Questore di Vibo Valentia, sono stati intensificati i servizi di controllo del territorio svolti dalla Polizia di Stato, concentrando in particolare gli sforzi operativi nelle zone del centro cittadino e della movida vibonese, atteso anche l’approssimarsi del periodo estivo.  Gli uomini della Squadra Mobile, nel corso di servizi mirati al contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, concentrando gli sforzi nel centro di Pizzo Calabro, individuavano un soggetto sospetto, il quale risultava allarmato alla vista degli agenti. All’esito del controllo di polizia veniva trovato in possesso di oltre 5 grammi di sostanza stupefacente del tipo eroina, per la quale veniva segnalato alla locale Prefettura ai sensi del D.P.R. 309/90.

Uomo fermato con una mazza di legno in auto

Uomo fermato con una mazza di legno in auto

Nella serata di ieri, giovedì 25 maggio, veniva svolto inoltre un servizio di prevenzione e contrasto alla c.d. movida violenta nel centro vibonese, impegnando la Squadra Mobile insieme alle volanti dell’U.P.G.S.P., della Polizia Stradale e all’Unità Cinofila, identificando persone e veicoli sospetti, in particolare veniva controllato un veicolo che risultava già sottoposto a sequestro e privo di copertura assicurativa, pertanto al conducente veniva ritirata la patente di guida e sequestrato nuovamente il veicolo. Nella circostanza, personale della Squadra Mobile, effettuava una perquisizione a carico di un soggetto visto transitare a bordo di una autovettura nel centro della zona della cosiddetta movida ed all’interno del bagagliaio veniva rinvenuta una mazza in legno occultata nel vano dello pneumatico di scorta. All’esito degli accertamenti il soggetto veniva denunciato alla Procura della Repubblica di Vibo Valentia per detenzione abusiva di oggetti atti ad offendere.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
I carabinieri della Piana di Gioia Tauro hanno incontrato gli studenti dell’Istituto Comprensivo Marvasi-Vizzone a Rosarno
La triade commissariale sta passando ai raggi X ogni singolo atto per accertare eventuali infiltrazioni mafiose
Il centrodestra e i “pitariani” eleggono tre consiglieri ciascuno e confermano i pronostici della vigilia. Insieme sono maggioranza  in provincia
l'inviato
Una montagna sventrata per un monumento allo spreco di denaro pubblico. Sotto accusa le amministrazioni alternatesi alla guida della Provincia
Un ambiente pensato per stimolare la condivisione di idee e favorire gli incontri tra professionisti di diversi settori
Il sisma è stato segnalato a una profondità di 88 chilometri. Non si ha notizia di danni a cose o persone.
L’uomo è precipitato dopo essersi staccato dal gruppo che guidava per andare a verificare un percorso. I quattro clienti hanno dato l'allarme
Il primo cittadino denuncia danni alle coltivazioni e minacce all'incolumità delle persone, problemi che perdurano da 30 anni
L’iniziativa del Coordinamento delle Camere penali della Calabria che avverrà simultaneamente in tutte le aule di udienza dei tribunali
Il progetto si inserisce all’interno della politica per la riduzione dell’impatto ambientale sulle attività portuali
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved