Calabria7

Movimento Fiamma Tricolore: “Cittadini devono usufruire della delegazione comunale Gagliano”

“E’ un film già visto quello che l’ineffabile assessore Alessandra Lobello, a nome della “giunta Abramo”, mette in scena in questi giorni per chiudere dopo circa un anno (settembre 2018) e con le stesse ineffabili motivazioni, dopo la delegazione di Gagliano – ricordate cosa chiedemmo allora “solo con la lotta popolare che possiamo giungere a modificare un destino che altri vorrebbero scrivere per noi, INVITA i Cittadini dell’intera Città a ribellarsi avverso questa assurda determinazione, che oggi è toccata a Gagliano ma domani certamente toccherà altre realtà!” e “ la decisione dell’Amministrazione Comunale di procedere ad eliminare definitivamente la Delegazione di Governo di Via Orti a Gagliano a datare dall’01 settembre 2018, mentre viene propagandato, con enfasi assolutamente esagerata, il fatto che restano invece in vita le delegazioni Catanzaro Lido e, soprattutto, di Santa Maria”. Lo scrive in una nota la Federazione Provinciale e la Sezione Cittadina del  Movimento Sociale Italiano-Fiamma Tricolore

“Riteniamo giusto lottare, anche duramente, affinchè TUTTI i Cittadini Catanzaresi possano usufruire di servizi di contiguità che ne allevino i disagi e rispondano ad esigenze che diventano spesso primarie, anche atteso le svariate condizioni che vengono a crearsi, e quindi far si che resti aperta la Delegazione di Gagliano e, contemporaneamente, vengano magari potenziate anche quelle di S. Maria e Lido”, questi i nostri pensieri e queste le nostre sensibilità di allora così come di oggi – anche quella di Santa Maria, così spogliando di un importante presidio istituzionale ana parte particolarmente delicata del territorio oltre che diverse decine di migliaia di cittadini, in gran parte appartenenti a fasce socialmente deboli come quelle degli anziani e dei disoccupati.

Sensibilità che non appartengono certamente ad un sindaco che giustifica le profonde ferite inferte al tessuto urbano con la carenza di personale dovuta ai pensionamenti – ma tali pensionamenti non dovrebbero rappresentare una liquidità da impiegare prioritariamente nell’assunzione di giovani nuove unità, che tra l’altro costerebbero molto meno sia per i contratti ridotti che si riconoscono agli assunti oggi che per il mancato peso delle indennità di anzianità e di qualifica professionale che si riconoscevano ai pensionati – e che è sempre più lontano dalla sua gente, abbarbicato alle stanze di Piazza Rossi e prigioniero di un sogno che vede, giorno dopo giorno, frantumarsi tra le mani per i ripetuti fallimenti relativi alla gestione della macchina comunale, della viabilità, della rete di distribuzione idrica, dei trasporti (Funicolare chiusa sine-die), di parte importante del territorio (Giovino, Viale Isonzo) e probabilmente dimentichiamo diverso altro, mentre gli attacchi più forti gli vengono da componenti della sua (ex) maggioranza, anch’essa in via di consunzione per motivi, spesso, non certo nobili.

La Segreteria Provinciale e quella Cittadina del MSI-FT auspicano, a questo punto, che i Cittadini Catanzaresi TUTTI prendano atto che non erano certo questi i presupposti e non possono essere questi i risultati che la consiliatura auspicava ed era demandata a raggiungere, per cui sarebbe auspicabile e ragionevole un passo indietro che ridesse voce alla Città dandogli la possibilità di ritornare alle urne per esprimere il proprio giudizio su un governo cittadino che ha vinto facendo tante promesse ed ha prodotto veramente poco per la Comunità”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, Cotticelli: “Pronto il piano di emergenza”

Mirko

Morte Nino Cerra, il questore di Catanzaro ha vietato i funerali pubblici

Damiana Riverso

Il Teatro di Calabria porta in scena “L’ingiusta accusa” per gli studenti del liceo Siciliani di Catanzaro (VIDEO)

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content