Muore cadendo dalla barella prima di salire in ambulanza: era appena stata dimessa una 87enne

Il mezzo privato era stato prenotato dai parenti per farla tornare a casa, ma la barella si è ribaltata e Vincenza Gurgiolo ha battuto la testa sull'asfalto
ferite testa bimbo

I medici dell’ospedale Cimino di Termini Imerese, in provincia di Palermo, l’avevano dimessa dopo il ricovero avvenuto lo scorso 28 febbraio, perché le sue condizioni erano migliorate. Ma prima di salire sull’ambulanza privata prenotata dai parenti e raggiungere la sua abitazione a Trabia, un viaggio di appena dieci chilometri, la barella si è inspiegabilmente ribaltata: Vincenza Gurgiolo, 87 anni, ha battuto la testa sull’asfalto ed è morta tre giorni dopo nello stesso ospedale a causa della ferita riportata che le avrebbe causato un’emorragia celebrale. Sulla vicenda la procura ha aperto un’inchiesta.

La donna era stata ricoverata per un’insufficienza renale e aveva risposto bene alle cure, tanto che il 3 marzo era stata trasferita in corsia, nel reparto di Medicina, per una normale degenza. Otto giorni dopo, visto che i parametri monitorati erano buoni e l’insufficienza renale era rientrata, i medici hanno deciso di dimetterla. I tre figli, che gestiscono un supermercato a Trabia, hanno contattato una ditta privata di ambulanze per trasportare la madre a casa. Una scelta per garantirle la massima assistenza alla donna.

Secondo quanto accertato dagli investigatori, i due impiegati della ditta che avrebbe dovuto occuparsi del trasporto, hanno prelevato in barella la paziente dal quarto piano dell’ospedale, e in ascensore l’hanno condotta al piano terra. Davanti all’area del pronto soccorso uno dei due dipendenti della ditta si sarebbe allontanato per avvicinare il mezzo alla rampa e agevolare così le operazioni. L’altro, invece, sarebbe rimasto con la donna. Ed è in quel momento che è avvenuta la tragedia inspiegabile. Per cause in corso di accertamento, infatti, la barella si è ribaltata e l’anziana avrebbe sbattuto con violenza la testa sull’asfalto. A questo punto sono intervenuti i sanitari del pronto soccorso e hanno riportato la donna in ospedale. Ma dopo tre giorni di ricovero, a causa di un’emorragia, è morta.

Il sindaco: “Inaccettabile”

“Non è accettabile morire in questo modo – dice il sindaco di Trabia Francesco Bondì – Tutti in paese conoscono la famiglia di Vincenza. Ci stringiamo tutti alla famiglia colpita da un dolore così grande per una morte davvero assurda. Terribile quello che è successo. La mia comunità è rimasta sconvolta dalla notizia dell’accaduto”. I tre figli dell’anziana, assistiti dall’avvocato Francesco Paolo Sanfilippo, hanno presentato una denuncia alla procura di Termini Imerese contro ignoti per cercare di ricostruire la dinamica dei fatti e accertare eventuali responsabilità da parte della ditta privata e dell’ospedale.

I privati, affranti dal dolore, non hanno voluto rilasciare alcuna dichiarazione. Il sostituto procuratore Concetta Federico ha disposto il sequestro della salma, per consentire l’autopsia che sarà eseguita nei prossimi giorni nel reparto di Medicina legale del Policlinico universitario di Palermo. Sequestrata anche la cartella clinica che è stata raccolta dai carabinieri del reparto territoriale di Termini Imerese. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved