Narcotraffico nel porto di Gioia Tauro, il maxi-processo con 27 imputati: chiesti 484 anni di carcere (NOMI)

Nell'ambito dell'inchiesta 'Tre Croci' sono state sequestrate 4 tonnellate di cocaina durante le operazioni svolte dalla Gdf a Reggio
porto di Gioia Tauro

La Procura antimafia di Reggio Calabria ha chiesto condanne pesanti nel processo abbreviato derivante dall’inchiesta “Tre Croci”, che ha indagato sul ruolo di vari portuali nel traffico internazionale di cocaina tra il porto di Gioia Tauro e l’America Latina. Secondo quanto emerge dall’ordinanza, la droga arrivava nello scalo calabrese sui portacontainer latinoamericani. Al termine della requisitoria il pm ha chiesto complessivamente 484 anni di carcere per i 27 imputati coinvolti nell’accusa di narcotraffico. Le richieste sono state presentate ieri davanti al giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Reggio Calabria.

Gli indagati

Gli indagati

Le condanne richieste dalla Dda includono pene di 20 anni per Salvatore Bagnoli, 18 anni per Domenico Bartuccio, 16 anni per Franco Barbaro, 6 anni per Salvatore Bellè, 20 anni per Rosario Bonifazi, 20 anni per Vincenzo Brandimarte, 8 anni per Antonio Bruzzaniti, 20 anni per Bartolo Bruzzaniti, 20 anni per Salvatore Cananzi, 10 anni per Bruno Carbone, 20 anni per Salvatore Copelli, 20 anni per Alessandro Cutrì, 20 anni per Salvatore Dell’Acqua, 20 anni per Girolamo Fazari, 20 anni per Santi Fazio, 20 anni per Roberto Ficarra, 20 anni per Domenico Gulluni, 20 anni per Domenico Iannaci, 20 anni per Rocco Iannizzi, 10 anni per Raffaele Imperiale, 20 anni per Vincenzo Larosa, 18 anni per Domenico Longo, 18 anni per Pasqualino Russo, 20 anni per Antonio Sciglitano, 20 anni per Nazareno Valente e 20 anni per Antonio Zambara.

Nelle prossime udienze le difese discuteranno le posizioni dei singoli imputati. L’operazione “Tre Croci” è il risultato delle indagini della Procura antimafia, condotte dal Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata (Gico) del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Reggio Calabria. Il Comando provinciale della Guardia di Finanza ha sequestrato oltre 4 tonnellate di cocaina il 6 ottobre 2022. Gli imputati coinvolti sono accusati, a vario titolo, di traffico internazionale di sostanze stupefacenti, aggravato dalla finalità di agevolare la ‘ndrangheta.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il sindaco Giuseppe Falcomatà ha omaggiato la centenaria reggina con una targa di auguri e un omaggio floreale
Durante i controlli della Polizia di Stato nel Catanzarese gli agenti hanno trovato cocaina, hashish e due bilancini di precisione
La città ha rinsaldato il proprio legame con l'indimenticato maestro e cittadino onorario
Il segretario nazionale del Movimento "Indipendenza!" si schiera dalla parte degli agricoltori dell’Altopiano Silano
operazione svevia
L'uomo era stato arrestato l’accusa di partecipazione ad associazione volta al traffico di stupefacente, ma si è sempre proclamato innocente
Lo ha rilevato Assoutenti, che ha analizzato gli ultimi prezzi al pubblico comunicati dai gestori al Mimit e pubblicati sul sito del ministero
Gli atenei pubblici e il presidente della Regione insieme per offrire formazione di avanguardia e qualità, diritto allo studio a tutti, con i vantaggi economici non previsti dalle costose università private
L’ente bilaterale del turismo è un’associazione no profit che eroga servizi ai lavoratori e alle imprese aderenti allo stesso
Una circolare del ministero della Salute ha sollevato il problema rispetto a questa sostanza
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved