Nata in Sicilia da genitori tunisini ci torna su barcone, ricorso contro espatrio

La 20enne era stata rapita dal padre e non riusciva a tornare in Italia, a casa della mamma, per le vie legali
naufragio tunisia

“La fattispecie concreta in cui si trova la giovanissima Sarah, figlia di genitori tunisini, non è disciplinata da alcuna norma, perciò va risolta col buon senso. Questa ragazza è nata a Catania, in questa città ha lasciato la mamma e tre fratelli solo perché rapita dal padre. La madre l’ha aspettata per anni, tentando invano, purtroppo, tutte le strade per farla tornare già da minorenne. Ha tentato innumerevoli volte di ricongiungersi all’amata madre, ma le macchinazioni burocratiche del nostro Ordinamento gliel’hanno sempre impedito”.

Lo scrive l’avvocato Giuseppe Lipera, nelle note depositate al Tribunale civile di Catania davanti al quale il 19 febbraio si terrà l’udienza per il ricorso contro il provvedimento del Giudice di pace di che si è dichiarato incompetente per territorio a decidere sul decreto di espatrio emesso dal Questore di Trapani nei confronti di una 20enne nata in Sicilia da genitori tunisini. La giovane era tornata nell’isola, su un barcone approdato a Pantelleria, per raggiungere la madre che era rimasta a Catania.

Lo scrive l’avvocato Giuseppe Lipera, nelle note depositate al Tribunale civile di Catania davanti al quale il 19 febbraio si terrà l’udienza per il ricorso contro il provvedimento del Giudice di pace di che si è dichiarato incompetente per territorio a decidere sul decreto di espatrio emesso dal Questore di Trapani nei confronti di una 20enne nata in Sicilia da genitori tunisini. La giovane era tornata nell’isola, su un barcone approdato a Pantelleria, per raggiungere la madre che era rimasta a Catania.

A presiedere l’udienza della prima sezione civile del Tribunale sarà il giudice Rosario Maria Cupri. “La giovane Sarah – spiega il penalista nelle note – è stata costretta a raggiungere Catania, la mamma e i fratellini, con un gommone, dopo un viaggio di 14 ore, per colpa della burocrazia del nostro Paese. Adesso è finalmente tornata a casa propria, con la sua mamma e i suoi fratelli: né politica né diritto possono permettersi di dire che Sarah non sia in casa propria!”

Nelle note, in maniera preliminare, l’avvocato Lipera contesta un passaggio della memoria presentata dall’Avvocatura dello Stato per conto della Questura di Trapani in cui si afferma, ricostruisce il penalista nell’atto depositato, “è bene, però, subito fugare ogni dubbio in relazione alle farneticanti elucubrazioni – dal valore più politico che giuridico – sulla cittadinanza della ragazza”. Per il legale la frase è “assolutamente offensiva e ingiuriosa oltre che errata, inappropriata per un atto difensivo e del tutto superflua” e ne chiede “l’immediata cancellazione dagli atti di causa”, riservandosi di “di ricorrere alle Autorità competenti al riguardo”. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved