Naufragio di Cutro, nuovo stop del processo: i testimoni non si presentano, udienza rinviata

Per quanto riguarda l'indagine sui presunti ritardi nei soccorsi, i termini scadranno il 29 maggio. Manca la perizia del consulente della Procura

I testimoni non si sono presentati e il collegamento con la Germania non è stato fatto. Questa la motivazione del rinvio dell’udienza del processo a carico dei presunti scafisti del caicco ‘Summer Love’ il cui naufragio, avvenuto il 26 febbraio 2023, ha causato la morte di 94 persone e un numero imprecisato di dispersi. Alla sbarra ci sono Sami Fuat, turco di 51 anni, Khalid Arslan, di 26 anni, e Ishaq Hassnan, di 23 anni, entrambi pakistani, tutti accusati di naufragio colposo, favoreggiamento all’immigrazione clandestina e morte in conseguenza di altro reato.

Nuovo stop del processo

Nuovo stop del processo

In apertura di udienza, il presidente del collegio Edoardo D’Ambrosio ha comunicato che il dipartimento di Polizia penitenziaria ha avuto notizia che tre superstiti del naufragio che dovevano testimoniare dalla Germania non si sono presentati e per questo non è stato attuato il videocollegamento. Si tratta di un nuovo stop del processo che già ha dovuto fare i conti con la mancanza di interpreti di lingua farsi e dari, parlate in Afganistan. Anche per questo il pubblico ministero Pasquale Festa ha chiesto la sospensione dei termini di custodia cautelare per la complessità del dibattimento a causa di problemi di natura logistica. Termini che scadono a settembre. Richiesta che, però, è stata dichiarata inammissibile dal Tribunale in quanto, nell’udienza in corso, mancava un interprete di lingua turca per l’imputato Sami Fuat al quale, quindi, non poteva essere garantito in questa udienza il diritto alla difesa. Il presidente D’Ambrosio ha consigliato al pm di reiterare la richiesta nelle prossime udienze.

Indagine sui ritardi nei soccorsi: i termini scadono il 29 maggio

Scadranno invece il prossimo il 29 maggio prossimo i termini per chiudere l’indagine sui presunti ritardi nel soccorso al caicco Summer Love naufragato a Steccato di Cutro. Entro quella data il sostituto procuratore della Repubblica di Crotone Pasquale Festa dovrà depositare gli atti per la conclusione delle indagini a meno che non chieda una proroga. L’indagine al momento coinvolge sei persone in totale. I reati ipotizzati sono omissione di atti d’ufficio, naufragio colposo e omicidio colposo. Tre sono ufficiali e sottoufficiali della Guardia di finanza: il tenente colonnello Alberto Lippolis, comandante del Reparto operativo aeronavale di Vibo Valentia, il luogotenente Antonino Lopresti, dello stesso Roan, che era l’operatore di turno la notte in cui si verificò il naufragio, ed il colonnello Nicolino Vardaro, comandante del Gan di Taranto. I loro nomi sono diventati pubblici quando il pm Pasquale Festa ha disposto, nel giugno del 2023, un decreto di perquisizione informatica nei confronti dei tre finanzieri. Con loro ci sono altre tre persone indagate i cui nomi sono coperti da omissis. Alla conclusione delle indagini manca ancora la perizia del consulente della Procura, l’ammiraglio Salvatore Carannante.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved