Navette all’aeroporto di Lamezia, volo in ritardo: tutti a piedi verso la stazione

"L'ultima navetta non si degna di aspettare l'ultimo volo come dovrebbe e non c'è nessun taxi, di quelli famosi che per 2 chilometri chiedono l'anima"
Volo Lamezia Torino

“Vergogna. Chiediamo l’attenzione di tutti e la divulgazione massima affinché questa segnalazione giunga agli organi competenti”. E’ quanto si legge sulla pagina facebook di Ultras Calabria. “In questi anni, – scrivono – poiché argomento per noi “fuori contesto”, abbiamo ricevuto diverse segnalazioni sull’Aeroporto di Lamezia Terme, il “nostro” Aeroporto più importante, per delle situazioni veramente inverosimili. Ultima giunta ieri mattina. Due Ultrà del Cosenza hanno scelto di partire il giorno dopo la partita di Modena da Orio, con arrivo previsto a Lamezia, per le ore 23:40. Per motivi meteo, l’aereo è giunto in ritardo oltre le 00:00. Una volta fuori l’Aeroporto, non vi era alcuna navetta poiché l’ultima, è fino alle ore 23:50 e non si degna nemmeno di aspettare l’ultimo volo come dovrebbe, e per giunta nessun taxi, di quelli famosi che per 2 km ti chiedono l’anima. Di conseguenza, avendo necessità di giungere alla Stazione Centrale, si sono trovati a incamminarsi sotto la pioggia, in mezzo al buio, in una strada ad altissima velocità, rischiando più volte di essere investiti. Questa storia non è la prima, ne abbiamo ricevute nel tempo di diverse. E’ successo in passato con ragazzi di Catanzaro, di Crotone, di Reggio Calabria ( tutto documentabile ) e non per ultimi gli “ospiti” che spesso vengono visti con sciarpa al collo, saltare dal ciglio della strada fino alla rotonda principale con rischi elevatissimi, per non parlare dei turisti”.

“Non c’è neanche un marciapiede”

“E’ vergognoso – affermano i tifosi – che per poco più di 2 km di distanza, Aeroporto e Stazione, non vi sia un marciapiede e/o una pista ciclabile che possa essere usata per chi non vuole regalare soldi a quei quattro Taxi inefficienti e privi di tassametro o per una navetta che oltre un certo orario non resta perché “chi se ne frega”. Ci sono aeroporti al Nord, vedi Bologna o Pisa, che permettono l’uso di bici elettriche, con distanze più lunghe della nostra, o comunque corsie ecologiche e pedonali senza rischi per nessuno. Dobbiamo aspettare il morto affinché venga fatta luce su questa situazione? Dobbiamo costringere chi giunge in Calabria ad avere poche alternative e a presentarci già in questa sporca maniera? Noi diciamo basta e chiediamo un collegamento diretto, pedonale o ciclabile, tra l’Aeroporto Internazionale di Lamezia Terme e la Stazione Centrale di Sant’Eufemia (Ferrovie dello Stato Italiane CareersFrecciarossaItalo Treno ). Chiediamo la divulgazione massima, solo uniti possiamo farci sentire. Dobbiamo arrivare al nostro Presidente dalla Regione, Roberto Occhiuto, per muovere qualcosa nella giusta direzione. Lo merita la Calabria e lo meritiamo tutti noi. Che la Regione Calabria, la Provincia di Catanzaro competente, il Comune interessato di Lamezia Terme (Paolo Mascaro ) non restino fermi. Anche Comuni limitrofi non competenti in nessun modo (vedi Gizzeria) che possano aiutarci in tal senso. Noi non ci fermeremo”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved