‘Ndrangheta a Milano, l’appoggio del clan al candidato sindaco di Pioltello

Il presunto boss Cosimo Maiolo - secondo la prima sezione della Squadra mobile - avrebbe organizzato "un banchetto elettorale" nella peschiera gestita dal figlio
catania cocaina

Il clan Manno-Maiolo di ‘ndrangheta a Pioltello – comune in provincia di Milano – avrebbe fatto “palese campagna elettorale” alle elezioni amministrative dell’ottobre 2021 in favore dell’allora candidato sindaco Claudio Fina e dell’aspirante assessore all’urbanistica Marcello Menni, entrambi supportati da una coalizione di Centrodestra. È quanto emerge dagli atti dell’inchiesta della Polizia di Stato (LEGGI), coordinata dal pubblico ministero della Dda Paolo Storari, in cui si contesta anche l’ipotesi di reato di coercizione elettorale.

Il “banchetto elettorale”

Il “banchetto elettorale”

Due degli arrestati – il boss Cosimo Maiolo, condannato nell’inchiesta Infinito, insieme all’altro arrestato Luca Del Monaco – sono accusati di aver organizzato, nel settembre 2021, “un banchetto elettorale” a favore dei due politici nella peschiera gestita dal figlio di Maiolo. Ed inoltre avrebbe invitato la “comunità straniera”, nello specifico “albanesi e pakistani”, a votare per Fina e Menni, manifestando “pubblicamente il sostegno della ‘ndrangheta” per i due candidati. L’appoggio elettorale ai due politici, che allo stato attuale non risultano indagati, non è andato a buon fine. Claudio Fina – sostenuto da Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, e altre sigle – è stato sconfitto dal candidato di centrosinistra Ivonne Cosciotti.

Il trasporto delle salme

L’indagine investigativa della Mobile meneghina avrebbe dimostrato come l’attività non si fosse fermata nemmeno durante il Covid. Nel corso di una conversazione intercettata, uno dei figli del reggente della locale di ‘ndrangheta di Pioltello, intuendo la possibilità di lucrare sul fenomeno del trasporto delle salme delle vittime del virus, mentre alla televisione scorrevano le immagini della colonna di salme trasportate dall’Esercito, spiegava come, attraverso una società intestata a un prestanome e l’emissione di false fatture, avrebbe potuto ottenere guadagni illeciti nel settore del trasporto feretri.

LEGGI ANCHE | Blitz antimafia a Milano, presunto boss clan di Pioltello: “Faccio lista e metto capo della ‘ndrangheta”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Depositata la richiesta firmata dal gruppo consiliare del Pd e dai capigruppo del Movimento Cinquestelle e del Misto
Il format, con la presenza di alcuni protagonisti della salute, della sanità e dello sport, prevede  due panel dal 24 al 29 maggio
Il ricordo dell'ufficiale dei carabinieri, tra i pochi di cui il giudice si fidava: "In macchina avrei potuto esserci anche io se non fossi tornato prima in Sicilia"
E' accusato di tentata estorsione: avrebbe anche rovesciato una bottiglia di benzina sulla madre minacciandola di darle fuoco
Era stata presentata dalla Direzione distrettuale antimafia. Non si ripartirà da zero: dichiarati efficaci tutti gli atti compiuti finora
Attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, il profilo criminale emerso nelle operazioni “Il Padrino” e “Gotha”
rinascita scott
La Corte d'assise di Catanzaro ricostruisce uno dei più efferati fatti di sangue commessi nel Vibonese dalla 'ndrangheta. Decisiva anche un'intercettazione
LA SENTENZA
La Corte di appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado nei confronti dell'imputato accusato di maltrattamenti e lesioni
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved