Calabria7

‘Ndrangheta: beni per 750.000 euro sequestrati nel Reggino

Questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di sequestro preventivo e di confisca di beni mobili, immobili, imprese e prodotti finanziari – emessa dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria, su richiesta della Procura Generale reggina – riconducibili al patrimonio di Giuseppe Raso, 78enne di Antonimina (RC), della moglie Maria Filippone, dei figli Antonio Raso , 31enne detenuto, Rocco Raso, 32 enne e  Francesco Raso 27 enne, tutti pregiudicati.

L’odierno provvedimento scaturisce dalle risultanze investigative raccolte dal Nucleo Investigativo reggino – sotto il coordinamento della Procura Generale di Reggio Calabria diretta dal dott. Bernardo Petralia – a seguito della condanna a 6 anni di reclusione per associazione mafiosa e all’ interdizione perpetua dei pubblici uffici di Giuseppe Raso , soprannominato “avvocaticchio”, nel 2011 e nel 2012 tratto in arresto nell’ ambito delle operazioni “CRIMINE” e “SAGGEZZA”.

In particolare, gli approfondimenti dei militari dell’Arma hanno permesso di accertare la sproporzione del valore dei beni posseduti rispetto ai redditi dichiarati ai fini delle imposte, analizzati nell’ arco temporale 2000-2017 e l’insussistenza di fonti di reddito idonee a generare tali accumulazioni patrimoniali.

Peraltro, negli ultimi anni RASO Giuseppe e la moglie Maria sono stati più volte deferiti dai militari dell’Arma all’ Autorità giudiziaria in relazione ad alcuni episodi di pascolo abusivo e incontrollato di bovini fra Antonimina e Cittanova, fenomeno meglio noto come “vacche sacre” che ha avuto una particolare attenzione da parte della Prefettura e delle Forze di Polizia, con la creazione di una task force dedicata e lo svolgimento di continui servizi di ricerca e cattura dei bovini vaganti.

Con l’ operazione di oggi sono stati sottoposti a sequestro un’impresa di allevamento di bovini, oltre cento capi di bestiame, un terreno, due fabbricati e svariati rapporti bancari, titoli obbligazionari e polizze assicurative, tutti localizzati in Antonimina, Cittanova, Locri e Siderno.

Il valore complessivo dei beni sequestrati è di circa 750 mila euro.

redazione calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Reggio, Carabinieri impegnati nel progetto “Freed By Football”

Matteo Brancati

Bruciata l’auto di un dipendente comunale nel Cosentino

manfredi

L’ombra dei Gallace sul Comune di Guardavalle, il prefetto invia la Commissione d’ accesso

Maurizio Santoro
Click to Hide Advanced Floating Content