‘Ndrangheta: blitz internazionale contro clan Muia, 14 fermi

sparato napoli

Una vasta operazione internazionale della Polizia è in corso dalle prime ore di questa mattina, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) di Reggio Calabria, per l’esecuzione di 14 provvedimenti di fermo emessi nei confronti di altrettanti soggetti affiliati alla ‘ndrina Muia, federata alla cosca Commisso di Siderno, accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa transnazionale ed armata, porto e detenzione illegale di armi, trasferimento fraudolento di valori, esercizio abusivo del credito, usura e favoreggiamento personale, commessi con l’aggravante del metodo mafioso, ovvero al fine di agevolare la ‘ndrangheta.

Gli investigatori del Servizio Centrale Operativo della Polizia e della Squadra Mobile della questura di Reggio Calabria, coadiuvati dagli operatori del reparto Prevenzione Crimine, stanno eseguendo anche numerose perquisizioni in Calabria, Emilia Romagna e Liguria. Per l’operazione sono impiegati 150 uomini e donne. I particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 16 nella sala conferenze della questura di Reggio Calabria. Saranno presenti il procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, il procuratore Capo di Reggio Calabria, il direttore centrale Anticrimine e il questore di Reggio Calabria.

Gli investigatori del Servizio Centrale Operativo della Polizia e della Squadra Mobile della questura di Reggio Calabria, coadiuvati dagli operatori del reparto Prevenzione Crimine, stanno eseguendo anche numerose perquisizioni in Calabria, Emilia Romagna e Liguria. Per l’operazione sono impiegati 150 uomini e donne. I particolari saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 16 nella sala conferenze della questura di Reggio Calabria. Saranno presenti il procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, il procuratore Capo di Reggio Calabria, il direttore centrale Anticrimine e il questore di Reggio Calabria.

La ‘ndrina Muià, collegata alla nota cosca dei Commisso di Siderno, opera in Canada attraverso un organismo (il Crimine di Siderno) composto da più soggetti che per mantenere l’operatività rispetto ai problemi connessi alla pressione investigativa operata in Italia, si riunisce e prende decisioni. Emerge dalle indagini che hanno portato all’operazione della Polizia “Canadian Ndrangheta connection” .

Si tratta, secondo gli inquirenti, di una struttura direttamente collegata a quella di Siderno (la Società di Siderno) e, tramite questa mantiene i rapporti con le strutture di vertice che governano gli assetti organizzativi in Italia ed all’estero della ‘ndrangheta unitaria. E’ la prima volta,, sottolineano gli investigatori, che è stato possibile allargare gli orizzonti sull’articolata struttura della ‘ndrangheta in ambito sovranazionale.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved