‘Ndrangheta, “Cavalli di razza” in Lombardia, confermate 34 condanne per il clan Piromalli-Molé

In totale inflitti circa 2 secoli di reclusione con la pena più alta, oltre 11 anni, per lo storico boss Bartolomeo Iaconis
cavalli di razza

La Corte di appello di Milano ha confermato le 34 condanne inflitte ad altrettanti imputati che avevano scelto il giudizio abbreviato dopo la chiusura dell’inchiesta “Cavalli di razza” della Dda di Milano contro la ‘Ndrangheta in Lombardia, in particolare nelle province di Como e Varese. Si tratta della tranche lombarda di una maxi inchiesta, coordinata anche dalle Dda di Reggio Calabria e Firenze, sul clan Piromalli-Molé. 
I giudici della quinta sezione penale di Milano, presidente Monica Fagnoni, hanno riconosciuto l’impianto accusatorio dei pm Pasquale Addesso e Sara Ombra che contestava l’associazione di stampo mafiosa e tutti i reati “scopo” come il traffico di stupefacenti, le bancarotte fraudolente, le estorsioni e false dichiarazioni per uso di fatture per operazioni inesistenti. In totale inflitti circa 200 anni di reclusione con la pena più alta, oltre 11 anni, per lo storico boss della ‘ndrangheta in Lombardia Bartolomeo Iaconis.

I nomi e le condanne

A seguito delle indagini della Squadra mobile di Milano e della Gdf di Como, erano già stati condannati in primo grado anche Michelangelo Larosa (10 anni) e Michelangelo Belcastro (oltre 9 anni), entrambi con Iaconis della ‘locale’ di Fino Mornasco (Como). Dagli atti era emerso, poi, che Attilio Salerni (condannato a 8 anni) e il fratello Antonio (8 anni e 4 mesi) sarebbero stati gli esecutori materiali «di violenze e minacce nei confronti dei dirigenti» della Spumador Spa, azienda di bevande gassate finita nella morsa dei clan e per la quale era stata disposta l’amministrazione giudiziaria per infiltrazioni mafiose, poi revocata. Alla Spumador, parte civile nel processo, era andata una provvisionale di risarcimento di 100mila euro. Per associazione mafiosa erano state condannate anche Elisabetta Rusconi e Carmela Consagra (moglie di Iaconis), intestatarie fittizie, secondo l’accusa, di tre società e che si sarebbero occupate pure «delle attività di recupero crediti» quando i mariti erano detenuti. L’evolversi della ‘ndrangheta in Lombardia, ha scritto il gup Lorenza Pasquinelli nella sentenza di primo grado, ha «portato ad un arricchimento del panorama umano di riferimento, posto che le locali», ossia i clan, «si compongono non solo di personalità mafiose già note, ma anche di nuove generazioni, nuove reclute».

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved