Calabria7

‘Ndrangheta, clan offriva 150mila euro per attentato a un’auto blindata

La cosca Crea di Rizziconi avrebbe messo a disposizione 150 mila euro per il progetto di attentato già emerso nei giorni scorsi ai danni di un’auto blindata utilizzata da una persona di cui, però, al momento, non si conosce l’identità. Non si sa, in particolare, se l’obiettivo del progetto dovesse essere un magistrato o un testimone di giustizia. E’ quanto é emerso da un’inchiesta condotta dalla Dda di Ancona che il 4 ottobre scorso ha fermato tre persone per l’omicidio di Marcello Bruzzese, fratello del collaboratore di giustizia Girolamo, avvenuto a Pesaro il giorno di Natale del 2018. Per comunicare tra loro gli indagati utilizzavano schede telefoniche olandesi attraverso le quali gli inquirenti hanno trovato una serie di chat in cui si fa riferimento all’attentato, che sarebbe stato portato a termine utilizzando un bazooka o un ordigno esplosivo collegato ad un telecomando. Sul progetto di attentato ha aperto un’inchiesta la Dda di Reggio Calabria, guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri e dall’aggiunto Gaetano Paci.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Resta incastrato con gli arti inferiori nel motocoltivatore, lo salvano i Vigili del fuoco (VIDEO)

Damiana Riverso

Ubriachi su una Jaguar aggrediscono carabinieri, denunciati calabresi percettori di rdc

Maria Teresa Improta

Carabinieri, Mariachiara Soldano nuovo comandante compagnia Rende

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content