Calabria7

‘Ndrangheta, Csm: Lupacchini trasferito a Torino

assolto de sarro

Trasferimento per il procuratore generale di Catanzaro, Otello Lupacchini.

Lo ha disposto la sezione disciplinare del Csm che ha accolto le istanze cautelari avanzate dal ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e dal procuratore generale della Cassazione, Giovanni Salvi. L’ordinanza depositata oggi dal ‘tribunale delle toghe’ dispone il trasferimento di Lupacchini a Torino come sostituto procuratore generale.

La decisione della disciplinare è giunta oggi, dopo l’udienza svolta a porte chiuse giovedì e venerdì scorsi a Palazzo dei Marescialli. Al centro del procedimento, l’intervista che Lupacchini rilasciò lo scorso dicembre al Tgcom – dopo i numerosi arresti avvenuti nell’ambito dell’indagine anti ‘ndrangheta ‘Rinascita Scot’ – in cui sarebbe staato delegittimato l’operato del capo della procura di Catanzaro,  Nicola Gratteri.

Tra le incolpazioni mosse dai titolari dell’azione disciplinare a Lupacchini anche quella di aver offeso il Csm.  Per l’intervista al Tgcom, anche la Prima Commissione del Csm aveva aperto una pratica per verificare se ci fossero o meno i presupposti per un trasferimento d’ufficio per incompatibilità ambientale, fascicolo che adesso, con la misura cautelare disciplinare, resta ‘congelato’.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Progetto “Linkord”, le candidature entro il 26 marzo

Carmen Mirarchi

Circolo Placanica Catanzaro, la politica calabrese “chiesta” a tre giornalisti (VIDEO)

Maurizio Santoro

Ieri su Rai1 la storia di “Cetta”, morta per aver sfidato la ‘ndrangheta

Danilo Colacino
Click to Hide Advanced Floating Content