‘Ndrangheta e droga, catturato in Turchia il latitante Luciano Camporesi

Il 47enne, ricercato dall'operazione "Pollino - european ‘ndrangheta connection”, si nascondeva in un appartamento di Antalya ed era in possesso di documenti falsi
Progetto I-Can contro la 'ndrangheta

In Turchia, nella provincia di Antalya, è stato localizzato e catturato il latitante 47enne Luciano Camporesi, condannato all’esito del processo di primo grado, celebratosi con rito ordinario al Tribunale di Locri, alla pena di 22 anni ed 8 mesi di reclusione per traffico internazionale di sostanze stupefacenti. Camporesi era irreperibile dal 5 dicembre 2018, allorquando si era sottratto all’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Reggio Calabria nell’ambito dell’operazione Pollino – European ‘ndrangheta Connection, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri.

Le indagini

Le indagini

Nelle scorse settimane, l’attività investigativa è stata indirizzata verso la Turchia, grazie alle informazioni fornite dalla Direzione Investigativa Antimafia, che, nell’ambito di attività condotte dal Centro Operativo di Palermo, ha acquisito elementi concreti, condivisi con il Servizio Centrale Operativo e la Squadra mobile di Reggio Calabria, tali da localizzare il latitante, almeno fino al 2021, in territorio turco. Al fine di verificare l’attualità di tale dato, attraverso l’Unità I-Can (Interpol Cooperation Against ‘Ndrangheta) del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia della Direzione Centrale della Polizia, sono state attivate le autorità turche, a cui venivano fornite le informazioni in possesso degli investigatori italiani.

Il ruolo nell’inchiesta Pollino

Sulla base degli spunti forniti, nella notte tra l’11 ed il 12 novembre, il personale del Dipartimento Intelligence e della Criminalità Organizzata e Anticontrabbando della Polizia turca, ha rintracciato e arrestato il latitante Luciano Camporesi, rintracciato in un appartamento di nella città di Antalya, in possesso di documenti falsi. Il ruolo centrale di Camporesi era stato ricostruito nella menzionata inchiesta Pollino – European ‘ndrangheta Connection, coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria e condotta, sul territorio italiano, dal Servizio Centrale Operativo e dalla Squadra Mobile di Reggio Calabria, che unitamente al Gico della Guardia di Finanza di Catanzaro e ad altre forze di polizia europee costituirono una Squadra Investigativa comune, che disvelò l’operatività di un’associazione attiva nel traffico internazionale di stupefacenti tra il Sud America, l’Italia e l’Europa nord occidentale.

L’inchiesta si concluse, nella fase delle indagini preliminari, con l’arresto di 70 individui indagati, a vario titolo, per associazione mafiosa, associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, estorsione, violazioni della normativa sulle armi, trasferimento fraudolento di beni, simulazione di reato, fraudolento danneggiamento di beni assicurati, riciclaggio, autoriciclaggio e favoreggiamento personale.

La droga sulla nave da ricerche

In particolare Luciano Camporesi è ritenuto, ed è stato condannato in primo grado in tale veste, partecipe dell’associazione finalizzata al traffico di stupefacenti e proprio in tale contesto aveva instaurato stretti rapporti di collaborazione criminale con i coindagati calabresi Domenico Pelle (della omonima cosca di San Luca) e Giovanni Gentile, con cui si era incontrato, nel mese di aprile del 2017 per pianificare l’arrivo in Italia di ingenti carichi di sostanze stupefacenti (cocaina ed hashish), utilizzando come vettori sia navi commerciali che una sua imbarcazione che navigava per effettuare ricerche petrolifere in mare, e, per questo autorizzata a percorrere liberamente molteplici rotte senza destare sospetto.

Nel prosieguo delle indagini, grazie alla cooperazione internazionale tra la Dea americana e la Direzione Centrale dei Servizi Antidroga è emersa la riconducibilità a Camporesi della imbarcazione “Remus”, battente bandiera panamense ed equipaggiata con personale di origine “montenegrino”, a bordo della quale, il 13 agosto 2018, il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza – Gico di Palermo, ha sequestrato 20.140 chili di sostanza stupefacente del tipo hashish, arrestando, in flagranza di reato, l’intero equipaggio della nave composto da 11 persone, tutte di nazionalità montenegrina. Anche in ragione della intervenuta condanna di primo grado, e comunque in attesa del giudizio definitivo, le sue ricerche, delegate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria alla Squadra mobile reggina, erano state intensificate ed estese in diversi Paesi esteri nei quali il latitante risultava avere certamente collegamenti.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved