Calabria7

‘Ndrangheta e imprenditoria, le mani dei clan sul business dei rifiuti in Toscana

‘Ndrangheta in Toscana

La Procura Distrettuale Antimafia di Firenze ha predisposto due avvisi di conclusione delle indagini (LEGGI) preliminari nell’ambito di due procedimenti tra loro collegati – inchiesta Calatruria e inchiesta Keu (dal nome dell’inerte finale derivante dal trattamento dei fanghi prodotti dagli scarti della concia delle pelli) – che hanno consentito di fare emergere, fra l’altro, una contiguità con la ‘ndrangheta da parte di imprenditori indagati. Il duplice atto precede la richiesta di rinvio a giudizio che interesserà 12 indagati nel primo procedimento e 26 indagati nel secondo.

I due filoni

Nell’inchiesta Calatruria, “caratterizzata da novità sotto il profilo delle emergenze investigative per il distretto toscano” – come precisa il procuratore aggiunto distrettuale antimafia Luca Tescaroli -, tra gli indagati “soggetti appartenenti alla cosca di ‘ndrangheta Gallace di Guardavalle, imprenditori anche collegati a questa articolazione mafiosa e di un dipendente regionale“. Nel filone Keu “imprenditori anche collegati all’articolazione di ‘ndrangheta dei Gallace di Guardavalle, esponenti politici, dirigenti di enti pubblici” e di sei persone giuridiche.

Le indagini

Le investigazioni durante l’inchiesta Calatruria, spiega il procuratore aggiunto Tescaroli, hanno consentito di far emergere “una propaggine ‘ndranghetista in fase di consolidamento, con individuazione della presenza sul territorio di esponenti di tale struttura mafiosa, proiettata a generare un regime di monopolio illecito nel trasporto degli inerti nella zona del Valdamo aretino, nonché di ricostruire l’impiego del metodo mafioso nella commissione di un’estorsione ai danni di un imprenditore di origine calabrese e in plurimi reati di illecita concorrenza con minaccia e violenza, finalizzati a estromettere e/o assoggettare alle proprie strategie commerciali gli altri imprenditori locali. In tale contesto è stata delineata anche un’ipotesi di corruzione”. Nell’ambito di questo procedimento nell’aprile del 2021 sono state emesse cinque misure cautelari custodiali (quattro in carcere e una agli arresti domiciliari).

Il secondo avviso di conclusione delle indagini per l’inchiesta Keu nei confronti dei 26 indagati e di 6 persone giuridiche riguarda “i delitti di associazione a delinquere finalizzata alle attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti e l’inquinamento ambientale, di corruzione anche in materia elettorale e di indebita erogazione di fondi pubblici ai danni della pubblica amministrazione, di falso e di impedimento del controllo da parte degli organi amministrativi e giudiziari”.

La Procura distrettuale antimafia ha mosso, inoltre, “la contestazione in ordine alla responsabilità degli enti per illecito amministrativo da reato commesso dai propri rappresentanti, direttori e preposti”. Una parte significativa delle investigazioni ha riguardato la gestione dei rifiuti, specificamente dei reflui e dei fanghi industriali, prodotti nel distretto conciario ubicato tra le province di Pisa e di Firenze.

Il sistema

La Procura ipotizza l’esistenza di un sistema che vede coinvolti l’Associazione Conciatori e i singoli consorzi, “consapevoli, nell’ambito del rispettivo ruolo, dal conferitore allo smaltitore dei rifiuti prodotti, di far parte di un circuito collaudato e strutturato, tanto che i soggetti di vertice di quello che appare essere un ‘sistema’ figurano anche nelle compagini societarie o amministrative delle società coinvolte”.

“Il comparto industriale della concia delle pelli – spiega Tescaroli – rappresenta un settore di particolare impatto ambientale la cui gestione illecita provoca conseguenze in termini di contaminazione dei siti e dei corpi ricettori nei quali vengono recapitati gli scarichi e dei suoli nei quali vengono riutilizzati i rifiuti, fittiziamente recuperati o sottoposti a procedure di gestione insufficienti. Gli esiti investigativi inducono a ritenere che il meccanismo costruito che avrebbe dovuto assicurare un riciclo praticamente totale dei rifiuti prodotti dal comparto, con un conferimento in discarica sostanzialmente residuale, di fatto non raggiunge il risultato di ottenere un ciclo che recupera i rifiuti efficacemente e lecitamente”.

Contatti diretti con la politica

“Alla stregua dell’ipotesi investigativa – aggiunge -, il peso economico del comparto associativo menzionato ha consentito ai suoi referenti di avere contatti diretti che vanno oltre i normali rapporti istituzionali con esponenti politici e amministrativi di più Enti pubblici territoriali, che a vario titolo hanno agevolato in modo sostanziale il sistema”, osserva sempre il procuratore Tescaroli. Nel corso del mese di aprile 2021 erano state eseguite sei misure di custodia cautelare (una in carcere e cinque agli arresti domiciliari) e sette misure cautelari di interdizione dall’attività imprenditoriale (eseguite simultaneamente con quelle di cui al primo procedimento), due sequestri preventivi di impianti di gestione di rifiuti e un provvedimento di sequestro per equivalente per oltre 20 milioni di euro, che sono stati confermati in sede di gravame.

I successivi accertamenti hanno consentito di far emergere, a livello di ipotesi da verificare nel corso del prosieguo del procedimento penale, “ulteriori illeciti commessi da nuovi indagati, collegati ad altre due aziende della provincia di Arezzo, attive nella gestione dei rifiuti provenienti dalle lavorazioni auro-argentifere, le quali, analogamente a quanto emerso per l’illecita gestione del rifiuto Keu, proveniente dal comparto conciario pisano, hanno fatto confluire ingenti quantitativi di scorie pericolose, prodotte a conclusione del proprio ciclo produttivo, presso l’impianto di Bucine (Arezzo), ove erano miscelate proprio al suddetto Keu per poi essere interrate o destinate a siti esterni con modalità non consentite”.

Medesima destinazione

L’indagine del comparto conciario e del comparto orafo, spiega la Procura distrettuale antimafia, “sono risultate connesse in quanto entrambi i flussi dei rifiuti contaminati avevano una medesima destinazione verso lo stesso impianto di produzione di materiali inerti venduti poi come materie prime”. L’indagine, infatti, ha consentito di “disvelare, secondo la prospettazione accusatoria, una prassi abusiva particolarmente pericolosa e dannosa per l’ambiente, ovverosia quella di declassificare i rifiuti pericolosi e le ceneri dei fanghi di depurazione contaminati, facendoli figurare come se fossero rifiuti recuperabili nella lavorazione di materiali inerti per l’edilizia, così da consentire un occultamento dei rifiuti più inquinanti provenienti dal comparto conciario (ceneri contaminate da elevatissime concentrazioni di cromo) e dal comparto orafo (fanghi cancerogeni ed ecotossici contaminati da arsenico, boro, selenio) e causare anche gravi eventi di inquinamento ambientale, essendo quei rifiuti ceduti a terzi ignari e utilizzati come materie prime in terreni agricoli, in fondazioni per attività edilizie residenziali, in ripristini ambientali, in opere infrastrutturali, quali strade e aeroporti”.

Le “preoccupanti” analisi dell’acqua

Secondo il procuratore aggiunto Luca Tescaroli, “la gravità dei fatti contestati emerge anche da preoccupanti risultati delle analisi delle acque di falda che risultano essere state a contatto con tali rifiuti. Naturalmente, l’ipotesi d’accusa dovrà essere vagliata nel prosieguo del procedimento penale”. Correlativamente, nel gennaio 2022, il Tribunale di Firenze ha emesso un sequestro di prevenzione di beni per un valore di oltre cinque milioni di euro, su richiesta della Dda fiorentina, nei confronti di uno degli imprenditori di origini calabresi legato alla cosca ‘ndranghetista Gallace di Guardavalle, nell’ambito di un correlato procedimento di prevenzione.

“Il relativo procedimento è in corso di celebrazione e il Tribunale si sta adoperando, nel quadro di una sinergia istituzionale che coinvolge quest’ufficio, più prefetture del distretto e organi territoriali, per mettere in sicurezza i depositi oggetto di sequestro”, precisa il procuratore aggiungo Luca Tescaroli.
La Direzione Distrettuale Antimafia fiorentina ha coordinato e svolto le indagini con l’ausilio della Dna e il supporto investigativo di più articolazioni dei Carabinieri di Firenze: Nipaaf del Gruppo Carabinieri Forestali, Comando per la Tutela Ambientale e la Transizione Ecologica (Noe), Ros sezione anticrimine, Sezione di Polizia Giudiziaria presso la Procura di Firenze.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Discarica su arenile: ignorate denunce e richieste di smaltimento?

nico de luca

Ospedale di Cosenza, attivati 20 posti letto Covid e 10 di terapia sub-intensiva

Antonio Battaglia

Coronavirus, docente positivo a Crotone. Chiuso istituto scolastico

Mimmo Famularo
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content