‘Ndrangheta e trafficanti di esseri umani, Occhiuto: “La Calabria può contrastare i poteri criminali”

Il presidente della Regione Calabria ha elogiato il lavoro di Carabinieri, Polizia e Dda di Catanzaro per le operazioni contro la malavita
giornata della terra

Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria è voluto intervenire su due operazioni realizzate dai Carabinieri e dalla Polizia di Stato, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri. Il vasto blitz contro la ‘ndrangheta, nella provincia di Vibo, in un in cui sono state fermate 61 persone, in un’inchiesta in cui sono finite indagate 167 persone e che ha visto l’impiego di oltre 500 militari e l’operazione contro il traffico di migranti ,che ha portato alla luce un diffuso e spregiudicato sistema illegale che sfruttava il bisogno e la disperazione delle persone, esponendole a rischi indicibili. Queste due brillanti operazioni, per Il presidente sono il simbolo che “ci dimostra ancora una volta quanto la Calabria possa contare su inquirenti e forze dell’ordine di indiscutibile valore, in grado non solo di disarticolare i poteri criminali che inquinano e infiltrano i nostri territori ma anche di rappresentare per la nostra comunità sana un punto di riferimento contro la violenza delle mafie”.

L’immigrazione ed il suo duplice, doloroso, aspetto

L’immigrazione ed il suo duplice, doloroso, aspetto

Occhiuto si è soffermato soprattutto sull’aspetto relativo al problema dell’immigrazione che investe la Calabria sotto un duplice aspetto: da una parte il “dramma umano che si materializza nelle migrazioni clandestine, con costi altissimi che i migranti sono costretti a pagare non solo in termini economici ma anche in dolorose privazioni” ma anche le “enormi difficoltà a cui va incontro il sistema dell’accoglienza”, situazione spinosa che vede la nostra Regione in prima linea nel campo dell’ospitalità.

“Attenzione alle nuove rotte dell’immigrazione clandestina”

Il presidente della Regione ha concluso dicendo che “L’operazione di oggi, fra l’altro, svela la pericolosità della rotta balcanica, le sue articolazioni internazionali e senza dubbio aiuterà gli altri apparati dello Stato a mettere in campo ulteriori soluzioni per contrastare le tratte illegali di persone e garantire adeguati standard di accoglienza”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Le lesioni riportate hanno consigliato il suo trasferimento in elicottero nell’ospedale “San Carlo” di Potenza, dove è morto
A causare l'incidente probabilmente una folata di vento che ha fatto perdere il controllo della vela
I militanti del partito di Carlo Calenda, Maria Stella Gelmini e Mara Carfagna procederanno con questa ulteriore tappa di strutturazione sul territorio
Le indagini sono affidate ai carabinieri che hanno intanto sequestrato il pc del ragazzo
Nello specifico l'uomo, al culmine di una lite con l'allenatore generata dalla sostituzione del figlio, lo ha aggredito colpendolo con strattoni, calci e una testata sulla fronte
Un'iniziativa decisa dopo la mancata squalifica del difensore dell'Inter Francesco Acerbi per il presunto insulto razzista al difensore azzurro Juan Jesus
Si rifarebbero alla pratica dell’autoflagellazione diffusa tra i monaci nel medioevo per espiare i peccati e permettere all’anima di essere accolta degnamente nell’aldilà
Si tratta, in particolare, di beni immobili confiscati, già rientranti nel patrimonio indisponibile dell'Ente, che hanno finalità istituzionali e sociali
L'esposizione, che aprirà i battenti sabato 6 aprile, è curata da Elena Jelmoni con testi di presentazione e testimonianze di Teodolinda Coltellaro e Vittorio Politano
L'auto era in fiamme e non c'è stato modo di salvare il conducente
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved