Calabria7

‘Ndrangheta ed usura nel Catanzarese, chiuse le indagini per 21 (NOMI)

Commercianti e piccoli imprenditori in condizioni di difficoltà economica sotto il giogo dell’usura con l’imposizione di interessi da capogiro, tra il 120% e il 150% su base annua e vittime di condotte estorsive finalizzate a ottenere il pagamento dei ratei mensili da parte delle vittime. Arriva al capolinea l’inchiesta Big Bang, che ha portato a marzo scorso, i carabinieri del comando provinciale di Catanzaro a notificare 13 misure cautelari, nei confronti di esponenti della locali di ‘ndrangheta di Cutro e San Leonardo di Cutro, facenti capo alle famiglie Mannolo-Scerbo-Zoffreo-Falcone, indagati, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, usura, estorsione ed esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza alle persone, tutti reati aggravati dal metodo mafioso. i sostituti procuratori Domenico Guarascio e Veronica Calcagno hanno chiuso le indagini nei confronti di 20 indagati, nell’ambito di un’inchiesta che aveva preso avvio da due atti intimidatori consumati il 13 novembre 2018 in danno di altrettanti esercizi commerciali di Sellia Marina, davanti ai quali erano state posizionate delle taniche di benzina, ed è stata sviluppata attraverso indagini tecniche, servizi di osservazione e pedinamento, accertamenti patrimoniali e l’assunzione a sommarie informazioni delle persone offese. La Dda ha stralciato la posizione di Frank Mario Santacroce, 50 anni, di Catanzaro, avvocato ed ex consigliere regionale di Forza Italia, indagato per rivelazione e utilizzazione di segreto d’ufficio in concorso. In particolare, secondo le accuse, Santacroce avrebbe acquisito notizie coperte da segreto investigativo sulle indagini in corso, grazie ad una persona rimasta al momento ignota, e le avrebbe riferite ad una delle vittime di usura.

I nomi

Alfonso Mannolo, 82 anni, di San Leonardo di Cutro; Dante Mannolo, 53 anni, di Cutro; Pietruccia Scerbo, 46 anni, di Crotone; Pietro Scerbo, 74 anni, di Cutro; Mario Scerbo, 43 anni, di Crotone; Martino Andrea Sirelli, 43 anni, di Sellia Marina; Mario Falcone, 67 anni, di Cutro; Leonardo Falcone, 43 anni, di Cutro; Marco Falcone, 43 anni, di Crotone; Leonardo Curcio, 52 anni, di Torino; Leonardo Trapasso, 52 anni, di Cutro; Tommaso Trapasso, 43 anni, di Cutro; Salvatore Macrì, 43 anni, di Cropani;
Antonio Scicchitano, 49 anni, di Botricello; Giuseppe Talarico, 36 anni, di Catanzaro; Volodymyr Nemesh, 32 anni, di nazionalità ucraina; Moreno Bertucci, 50 anni, residente a Sellia Marina
Giuseppe Capicotto, 47 anni, di Catanzaro; Egidio Zoffreo, 49 anni, di Cutro; Giovanni Zoffreo, 27 anni, residente a Botricello; Fabio Mannolo, 35 anni, di Crotone. Gli indagati avranno 20 giorni di tempo per chiedere di essere interrogati dai pubblici ministeri, depositare memorie difensive e compiere ogni atto utile per l’esercizio del diritto di difesa prima che i pubblici ministeri contitolari delle indagini vadano oltre con una richiesta di rinvio a giudizio. (g. p.)

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta e usura nel Catanzarese, 22 gli indagati. C’è anche un consigliere regionale (NOMI)

LEGGI ANCHE | Big Bang, Gratteri: “Dove si negava l’esistenza della mafia ora si denuncia” (VIDEO)

LEGGI ANCHE | Big Bang, le origini delle indagini e il ruolo decisivo del dj catanzarese

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta ed estorsione nel Catanzarese, 13 misure cautelari (VIDEO)

LEGGI ANCHE | ‘Ndrangheta, tra gli indagati anche il consigliere regionale Santacroce

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

La Daneco è decaduta: appello ai lametini per fare la raccolta differenziata

nico de luca

Anticipo di estate in Calabria. Sole e temperature oltre i 30 gradi

Damiana Riverso

Poliziotti aggrediti, auguri di pronta guarigione da Abramo e Levato

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content