Calabria7

‘Ndrangheta: estradato dalla Francia Mario Miceli

Lo Scip (Servizio per la cooperazione internazionale di polizia) della Criminalpol ha riportato in Italia Mario Miceli, 62enne di Platì, arrestato agli inizi di settembre scorso nella cittadina portuale di Arzon in Bretagna. Latitante da gennaio, è destinatario di un mandato d’arresto europeo, emesso dalla procura di Milano, per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso.

Miceli, genero del boss Domenico Barbaro, è stato uomo forte del clan Barbaro-Papalia soprattutto in Lombardia, dove curava la gestione dei trasporti e movimento terra per il sodalizio ndranghetista, sfruttando l’elevato livello d’infiltrazione della cosca nella gestione di appalti e subappalti pubblici. Il suo arresto e l’odierna estradizione sono frutto dell’incessante lavoro degli investigatori italiani del Ros e della Sezione Catturandi del Comando provinciale Carabinieri di Milano con il supporto operativo a livello internazionale dello Scip, che attraverso l’Enfast (European network of fugitive active search teams) ha coordinato le attività con i colleghi della polizia francese.      Negli uffici di polizia di frontiera di Fiumicino sono in corso le formalità dell’arresto di Miceli sul territorio nazionale: successivamente sarà condotto in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria milanese.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Condannato per bancarotta fraudolenta, arrestato

Matteo Brancati

Controlli carabinieri nel Reggino: denunce e sanzioni

manfredi

Scontro tra due auto a Crotone: quattro feriti, tra cui un bambino

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content