Calabria7

‘Ndrangheta e truffa all’Inps tra Catanzarese e Crotonese, Dda chiede processo per 20 (NOMI)

di Gabriella Passariello- Assunzioni fasulle di lavoratori per ottenere dall’Inps l’indennità di malattia o di disoccupazione in caso di licenziamento attraverso un’associazione a delinquere di cui avrebbero fatto parte alcuni esponenti della cosca Trapasso. Tutta una serie di ipotesi di truffa aggravate dalla mafiosità rispetto alla quale il pm della Dda di Catanzaro Veronica Calcagno ha ribadito in aula la richiesta di rinvio a giudizio per venti dei ventidue imputati coinvolti in uno stralcio dell’operazione Borderland, il blitz antimafia che ha portato gli uomini della Guardia di finanza a marzo dell’anno scorso a notificare un sequestro preventivo di settecentocinquanta mila euro. Tra gli imputati nei confronti dei quali il magistrato ha chiesto il processo, compaiono i nomi dell’imprenditore Antonio Gallo, detto il “principino”, già ristretto al carcere duro nell’ ambito dell’inchiesta Basso Profilo; Pierpaolo Caloiro, considerato, dagli inquirenti uomo di fiducia del clan Trapasso,  del direttore di banca “infedele”, Maurizio Paviera e di Tommaso Trapasso, definito dagli inquirenti uomo di vertice dell’omonima cosca. Altri due imputati, entrambi collaboratori di giustizia, hanno invece optato per il rito abbreviato.

I nomi di coloro che rischiano il processo

In particolare il pubblico ministero distrettuale ha invocato davanti al gup Giuseppe De Salvatore il rinvio a giudizio nei confronti di Tommaso Trapasso, 43 anni, residente a Cutro; Pier Paolo Caloiro, 42 anni, residente a Cutro; Leonardo Ribecco, 52 anni, residente a Trofarello (TO); Maurizio Paviera, 60 anni, residente a Catanzaro; Mattia Paviera, 31 anni, di Milano; Angelina Caloiro, 50 anni, residente a Torre del Greco (NA); Antonio Gallo, 41 anni, residente a Sellia Marina; Stefania Ferro, 42 anni, residente a Borgia; Carmine Zoffreo, 46 anni, residente a Cutro; Vincenzo Tropea, 49 anni, residente a Cropani; Roberto De Fazio, 41 anni, residente a Scandale; Serafina Falcone, 44 anni, di Cutro; Carmine Tropea, 35 anni, residente a Cropani; Gregorio Aiello, 46 anni, di Cutro; Salvatore Aiello, 51 anni, residente a Cutro; Luigi Greco, 68 anni, residente a Cropani; Domenico Suppa, 60 anni, di Catanzaro; Ernesto Brandi, 56 anni, di Catanzaro; Francesco Tropea, 27 anni, di Catanzaro e Thomas Bassano, 27 anni, residente a Cropani.

In due vanno all’abbreviato

L’udienza per coloro che hanno scelto il rito ordinario proseguirà il prossimo 1 giugno, mentre i due collaboratori di giustizia Domenico Iaquinta, 39 anni, residente a Roccabernarda e Tommaso Rosa, 48 anni, di Crotone, che hanno optato per il rito abbreviato, l’1 luglio è prevista la requisitoria del pubblico ministero.

Falso reclutamento di personale

Un’associazione finalizzata alle truffe realizzate con un falso reclutamento di personale nelle società della famiglia Trapasso, controllate e gestite in particolare da Pierpaolo Caloiro, considerato uomo di fiducia del clan, con il compito di gestire insieme all’imprenditore Antonio Gallo i villaggi turistici Sun Beach di Squillace e Riviera del Sole di Cropani Marina e nello stesso tempo con il preciso mandato di costituire società comunque riconducibili al clan, intestate di volta in volta a prestanome, spostando capitali da un’azienda ad un’altra. Un ruolo, che secondo le ipotesi di accusa, Caloiro non avrebbe svolto da solo, avvalendosi anche della cooperazione di un direttore di banca di una filiale di Germaneto, Maurizio Paviera, “completamente assoggettato- secondo quanto riportato dal gip nel decreto di sequestro- al volere della cosca in cambio di favori”.

I favori al direttore di banca

Le stesse società sarebbero state delle vere e proprie scatole vuote, utilizzate per operare assunzioni fittizie di lavoratori, formalmente destinati ad essere impiegati nei villaggi turistici oppure in aziende agricole, assunzioni di cui avrebbero beneficiato tanto i familiari degli affiliati quanto persone gravitanti sul territorio. A usufruire di questo reclutamento di personale Maurizio Paviera, “completamente piegato al clan Trapasso, prestandosi stabilmente ad aiutare Caloiro nel movimento di capitali, dando consigli sulle operazioni da compiere e omettendo soprattutto di segnalare le operazioni sospette”. Di particolare rilievo per gli inquirenti è la conversazione scambiata il 12 ottobre 2014 tra Caloiro e Paviera nel corso della quale l’imprenditore spiega al direttore il meccanismo della truffa all’Inps in relazione all’assunzione del nipote di questo ultimo: “si però, lavorando da marzo ad ottobre lui poi prende otto mesi la disoccupazione… e prende lo stesso stipendio di… ed in più si va a fare qualche lavoretto in nero… poi arriva di nuovo aprile che ancora gli stanno pagando la disoccupazione ed è nuovamente assunto regolarmente”. In breve a Paviera, che per il nipote vorrebbe un’assunzione a tempo indeterminato e non stagionale, Caloiro risponde che lavorando da marzo ad ottobre si accaparrerebbe l’indennità di disoccupazione, potendo al contempo continuare a lavorare in nero.

Trapasso e la gestione del Sun Beach di Squillace Lido

Un ruolo di primo piano all’interno dell’’associazione era rivestito, secondo gli inquirenti, da Tommaso Trapasso già condannato in primo grado, con rito abbreviato a 18 anni di reclusione nell’operazione Borderland. Questi in più di un’occasione avrebbe impartito direttive sulle assunzioni e sui licenziamenti da compiere dimostrando di avere un potere decisionale superiore rispetto a quello di Caloiro, in forza della sua appartenenza alla famiglia Trapasso e del ruolo di vertice occupato all’interno della cosca. Un dato questo che si evince in una conversazione tra Tommaso Trapasso e la collaboratrice di Caloiro, Stefania Ferro, avvenuta in prossimità della chiusura della stagione del villaggio Sun Beach di Squillace Lido, nel corso della quale Trapasso le chiedeva la documentazione sulla gestione del villaggio e quest’ultima lo tranquillizzava: “No scusami tu… non ti preoccupare, ti volevo dire… ti avevo chiamato per dirti che io avevo sistemato quelle cose… ho avuto un casino perché sto sistemando le buste paga, ho dovuto fare la contabilità del villaggio … Sun Beach”. Ferro, in sostanza è colei che in concreto si sarebbe occupata di verificare le posizioni dei singoli lavoratori fittizi avvertendo di volta in volta i suoi capi sul raggiungimento dei requisiti necessari per ottenere l’indennità di disoccupazione.

Il collegio difensivo

Sono impegnati tanto nel procedimento con rito ordinario che abbreviato, tra gli altri, gli avvocati Giovanna Fronte, Gregorio Viscomi, Nicola Tavano, Luigi Falcone, Piero Mancuso, Giovanni Merante, Marco Grande, Graziella Maietta, Romolo Villirillo, Domenico La Blasca, Manfredo Fiormonti.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

“Basso Profilo”, il decreto di intercettazione che inguaia politici e imprenditori

Giovanni Bevacqua

Sulla ‘Due Mari’ controsenso: bloccata dai CC prima del Sansinsato

nico de luca

45 incendi attivi nel territorio regionale, Calabria Verde gestisce le sale operative

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content