‘Ndrangheta, Gratteri: “Uccide di meno per non destare allarme”

Nicola Gratteri

«Le ragioni per cui si uccide di meno sono tante, ma penso che siano legate al contrasto esercitato sul territorio dalle forze dell’ordine, sempre più attente nel monitorare le varie situazioni, ma soprattutto a causa di una nuova strategia mafiosa che tende a evitare le azioni clamorose, preferendo muoversi sottotraccia”. Lo ha dichiarato il procuratore capo di Catanzaro, Nicola Gratteri, intervistato da Klaus Davi per il Libro ‘I Killer della ‘Ndrangheta’ pubblicato da Piemme (Gruppo Mondadori).

Organizzazione che nella tradizione rinnova sè stessa

Organizzazione che nella tradizione rinnova sè stessa

“Spesso – dice il magistrato – soprattutto in Europa, quando le mafie non sparano, non destano allarme sociale e quindi non costituiscono un pericolo. Le mafie questo lo hanno capito e, in molti casi, si stanno adeguando a questa strategia dell’immersione. Ricordiamo infatti che la ‘Ndrangheta è un’organizzazione che nella tradizione rinnova sé stessa e si adatta in modo molto plastico alle nuove situazioni, ai nuovi contesti, pur nella immutabilità di alcuni suoi principi cardine». L Nel libro Davi sostiene che gli omicidi di mafia, ‘ndrangheta e camorra sono crollati complessivamente del 40% negli ultimi dieci anni. “La mafia che uccide di meno – scrive – è la ‘ndrangheta con un crollo stimato attorno al 50%, segue Cosa Nostra con un calo del 35%. La camorra è la mafia che uccide di più e infatti il calo è più contenuto, attorno al 29%”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Le condizioni meteo tenderanno a un ulteriore peggioramento nel pomeriggio con la formazione e lo sviluppo dei consueti temporali localmente intensi
Nello stesso posto dovrebbero trovarsi i resti di Mirella Gregori, ragazza italiana di 15 anni scomparsa il 7 maggio 1983 a Roma
Coinvolti altrettanti tifosi lombardi, finiti agli arresti domiciliari. La Questura sta ricostruendo i molti episodi violenti avvenuti dentro e fuori lo stadio Rigamonti
I bambini facevano parte di un gruppo di 11 persone che pescavano sulla riva del fiume
Gli interventi, molto probabilmente, inizieranno a breve, visto che le ruspe sono già sul posto. Ma club ha iniziato a guardarsi intorno
Il titolare di un’agenzia funebre a Mileto si sarebbe rivolto ai clan per scongiurare il rischio che una ditta concorrente - in procinto di essere avviata nello stesso territorio - potesse sottrargli una fetta di mercato
Oggi si svolgeranno i funerali della giovane morta mentre faceva rafting sul fiume Lao, sul Pollino
Mentre il primo cittadino accoglie i numerosi "ospiti" sbarcati nel cuore del quartiere marinaro, l'associazione evidenzia le criticità esistenti
La tragedia è avvenuta alle 4 di stamattina. Sul luogo dell'incidente è giunta anche un'eliambulanza
Il cardiologo spiega i segreti del suo modello di sanità: “Il mio sogno? I milanesi che vengono a curarsi in Calabria”
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved