Calabria7

‘Ndrangheta, il pm Lombardo in aula: “Mafie e servizi deviati dietro la sigla ‘falange armata’”

“Fu Totò Riina, durante il vertice di Enna , tra il 1991 e il 1992, a comunicare ai presenti che ogni attentato attuato da Cosa Nostra doveva essere segnalato con la sigla Falange Armata, sigla utilizzata in Calabria per la prima volta il 9 agosto 1991 con l’omicidio del sostituto procuratore della Cassazione, Antonino Scopelliti”. Lo ha detto il Procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Giuseppe Lombardo, nel corso del dibattimento di appello in cui sono imputati il boss di Brancaccio, Giuseppe Graviano, e Rocco Santo Filippone, individuato dagli investigatori come ‘uomo di fiducia’ dei Piromalli di Gioia Tauro, già condannati in primo grado all’ergastolo per il duplice omicidio dei carabinieri Fava e Garofalo. Il processo è in corso a Reggio Calabria. Secondo il magistrato, ”un’entità dei servizi deviati autorizzò ‘ndrangheta e Cosa nostra a utilizzare la sigla”.

Le origini della sigla “Falange armata”

Lombardo ha approfondito, alla luce dei verbali dei collaboratori di giustizia Antonio Schettini, “uomo di fiducia per il narcotraffico del clan Papalia”, Annunziatino Romeo e Antonino Fiume, la cointeressenza tra ‘ndrangheta e Cosa Nostra in ordine al periodo delle stragi, e l’origine della sigla ‘falange armata’, “nota come Falarm – ha detto Lombardo – che insieme al Gos (gruppi operativi speciali) e Nac (Nucleo azioni coperte), costituiva la sezione K della settima divisione del Sismi e la Gladio”. Il rappresentante della pubblica accusa, “a seguito della deposizione dell’ex ambasciatore Francesco Paolo Fulci nel corso del processo di primo grado ed all’approfondimento delle dichiarazioni dei collaboratori”, ha comunicato che saranno resi a disposizione della Corte d’Appello, presieduta da Bruno Muscolo, “i sedici nomi che ne gestivano le attività. Qui non si tratta di responsabilità istituzionali – ha sottolineato Giuseppe Lombardo – ma di precise responsabilità individuali”.

La “componente riservata” e il summit di Nicotera

La pubblica accusa, inoltre, ha tratteggiato il legame strategico della ‘componente riservata’ della ‘ndrangheta, costituito “dai Piromalli, i De Stefano, i Mancuso e i Papalia”, che a Nicotera (VV), in un villaggio turistico – secondo quanto riferito dal pentito Franco Pino – si incontrarono nel 1992, per valutare la richiesta di Cosa Nostra di partecipare alle stragi di quegli anni. “Falange Armata – ha detto Lombardo – è la sigla usata anche per confondere le ragioni vere dell’omicidio dell’operatore carcerario Umberto Mormile, assassinato su mandato del boss di Platì, Domenico Papalia”. Mormile, ha detto il magistrato, “si rifiutava di rilasciare relazioni di servizio in favore della condotta di Papalia”. Lombardo ha dedicato un capitolo della sua relazione anche al doloroso periodo dei sequestri di persona. “I proventi di quella attività criminosa – ha affermato – venivano divisi al 50% tra la ‘ndrangheta e i così detti ‘poteri occulti’, fino a che non fu deciso di rinunciare definitivamente a quel tipo di reato per ‘disposizioni dall’alto’”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Omicidio Barbieri, conclusa la fase delle indagini preliminari

manfredi

Serie B, Alfredo Aglietti è ufficialmente il nuovo allenatore della Reggina

Antonio Battaglia

Stop allo stato d’emergenza: due anni di pandemia in Calabria, i momenti cruciali

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content