‘Ndrangheta in Piemonte, chieste condanne per oltre 185 anni di carcere

Le accuse, a vario titolo, oltre alla associazione di stampo mafioso, riguardano il narcotraffico e il riciclaggio dei proventi in attività commerciali in Germania
imprenditori di rogliano

Condanne per un ammontare superiore ai 185 anni di carcere sono state chieste dalla procura di Torino al processo ‘Platinum’ sulla presenza della ‘ndrangheta in Piemonte. Si tratta del troncone del procedimento celebrato con il rito abbreviato.

Le richieste

Le richieste

Le richieste del pm Valerio Longi vanno dai venti anni agli otto mesi di reclusione e riguardano diciannove imputati. Per tre è stata proposta l’assoluzione. Il procedimento si celebra nel capoluogo subalpino per la presenza di una locale nel territorio di Volpiano. Le accuse, a vario titolo, oltre alla associazione di stampo mafioso, riguardano in prevalenza il narcotraffico – in particolare l’importazione da Olanda, Belgio, Germania e Spagna di cocaina da smerciare in Sardegna e Sicilia – e il riciclaggio dei proventi in attività commerciali e di ristorazione in Germania.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved