‘Ndrangheta in Valle d’Aosta, il pg della Cassazione chiede l’assoluzione di Marco Sorbara

Colpo di scena durante la discussione dell’ultimo grado di giudizio del processo Geenna con rito ordinario su una presunta locale di ‘ndrangheta ad Aosta
'ndrangheta valle d'aosta

Colpo di scena durante la discussione dell’ultimo grado di giudizio del processo Geenna con rito ordinario su una presunta locale di ‘ndrangheta ad Aosta: la procura generale della Corte di Cassazione infatti ha chiesto l’inammissibilità del ricorso presentato dalla procura generale di Torino contro l’assoluzione in appello dell’ex consigliere regionale della Valle d’Aosta Marco Sorbara, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa (in primo grado il tribunale di Aosta lo aveva condannato a dieci anni). La procura generale della Cassazione ha chiesto di dichiarare infondato anche il ricorso contro l’assoluzione di Antonio Raso dal solo capo di imputazione di scambio elettorale politico-mafioso aggravato con Marco Sorbara, confermando di conseguenza la condanna a dieci anni (rispetto ai 13 anni del primo grado) per l’accusa di associazione mafiosa nei confronti del ristoratore aostano.

Il pg della Cassazione – riporta l’ANSA – ha chiesto poi alla Corte di respingere l’appello dei difensori in modo da confermare le condanne di secondo grado: oltre che per Raso, anche per l’ex consigliere comunale di Aosta Nicola Prettico e l’ex dipendente del Casinò di Saint-Vincent Alessandro Giachino, in appello condannati entrambi a otto anni per l’accusa di associazione mafiosa, e per l’ex assessora comunale di Saint-Pierre Monica Carcea, condannata in secondo grado a sette anni e accusata di concorso esterno in associazione mafiosa. Dopo la discussione davanti alla quinta sezione penale, durata quasi tre ore, la sentenza è attesa nelle prossime ore.

Il pg della Cassazione – riporta l’ANSA – ha chiesto poi alla Corte di respingere l’appello dei difensori in modo da confermare le condanne di secondo grado: oltre che per Raso, anche per l’ex consigliere comunale di Aosta Nicola Prettico e l’ex dipendente del Casinò di Saint-Vincent Alessandro Giachino, in appello condannati entrambi a otto anni per l’accusa di associazione mafiosa, e per l’ex assessora comunale di Saint-Pierre Monica Carcea, condannata in secondo grado a sette anni e accusata di concorso esterno in associazione mafiosa. Dopo la discussione davanti alla quinta sezione penale, durata quasi tre ore, la sentenza è attesa nelle prossime ore.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il format, con la presenza di alcuni protagonisti della salute, della sanità e dello sport, prevede  due panel dal 24 al 29 maggio
Il ricordo dell'ufficiale dei carabinieri, tra i pochi di cui il giudice si fidava: "In macchina avrei potuto esserci anche io se non fossi tornato prima in Sicilia"
E' accusato di tentata estorsione: avrebbe anche rovesciato una bottiglia di benzina sulla madre minacciandola di darle fuoco
Era stata presentata dalla Direzione distrettuale antimafia. Non si ripartirà da zero: dichiarati efficaci tutti gli atti compiuti finora
Attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, il profilo criminale emerso nelle operazioni “Il Padrino” e “Gotha”
rinascita scott
La Corte d'assise di Catanzaro ricostruisce uno dei più efferati fatti di sangue commessi nel Vibonese dalla 'ndrangheta. Decisiva anche un'intercettazione
LA SENTENZA
La Corte di appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado nei confronti dell'imputato accusato di maltrattamenti e lesioni
Il giovane di 22 anni, di Bologna, ridotto in fin di vita l'11 agosto del 2022 nella città pitagorica dove si trovava in vacanza
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved