‘Ndrangheta in Veneto, confermato l’impianto di primo grado: condanne per un clan calabrese

Contestate decine di episodi di minaccia, estorsioni, violenze messe in atto per convincere gli imprenditori a fare false fatture per ripulire il denaro sporco
'ndrangheta in veneto

In primo grado si erano visti comminare una condanna a quasi 116 anni di carcere, mentre in appello le loro pene si sono ridotte di poco. Si tratta dei 30 imputati, a vario titolo, di aver portato la ‘ndrangheta a Vicenza, Padova, Venezia e Treviso. Accordata solo per alcuni la riduzione di pena, mentre ad altri non è stato riconosciuta l’associazione di stampo mafioso. Ma l’impianto accusatorio del primo grado di giudizio ha retto.

Estorsioni a imprenditori in difficoltà

Estorsioni a imprenditori in difficoltà

Il secondo capitolo del processo per la ‘ndrangheta in Veneto si è concluso oggi nell’aula bunker del Tribunale di Venezia. Confermate le condanne per i due fratelli Bolognino, Francesco e Michele; quest’ultimo si è visto comminare una pena di 11 anni e quattro mesi di carcere, oltre ad una multa di poco inferiore ai 10mila euro. Confermate in gran parte anche le confische di beni per quasi 160 milioni di euro. Il clan avrebbe compiuto estorsioni specie a carico di imprenditori in difficoltà economiche. Fino a quando una coppia trevigiana, dopo un pestaggio, ha deciso di denunciare tutto: era il 2013. Michele Bolognino, affiliato al clan Grande Aracri di Cutro, in primo grado era stato condannato a 13 anni 4 mesi; oggi per lui la riduzione a 11 anni e quattro mesi.

Confermato l’impianto accusatorio

Nonostante gli sconti di pena, l’impianto accusatorio e le condanne sono state confermate anche per gli imprenditori che nella rete di stampo mafioso sono rimasti impigliati facendo da tramite tra il clan ed altre possibili vittime. Contestate decine di episodi di minaccia, estorsioni, violenze messe in atto per convincere gli imprenditori a fare false fatture per ripulire il denaro sporco.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nella finale mondiale azzurri ancora ko (6-4) nella finale contro la Seleçao, imbattibile sulla sabbia di Dubai
Serie D
Altra vittoria pesantissima per il Trapani, che ipoteca la promozione in Serie C
Il messaggio che viene fuori dal seminario organizzato nel Cosentino intende rilanciare quello che è stato il caposaldo dell’inclusione per le persone non vedenti
Lo scontro ha interessato una Fiat Grande Punto e una Volkswagen Golf. Durante le operazioni di soccorso la strada è stata momentaneamente bloccata
Allarmata preoccupazione del presidente Paolo D'Achille in una lettera aperta alla ministra Anna Maria Bernini e al rettore dell'Ateneo di Bologna, Giovanni Molari
La giovane è riuscita a dare l'allarme e a denunciare l'accaduto
''Dovrebbero essere cancellati i loro visti'', ha detto il presidente ucraino
L'elogio dello stilista al presidente del Consiglio: "Ha due elementi importanti in corpo abbastanza robusti, non ce li ha ma è come se ce li avesse"
Sono stati i vicini di casa a chiamare i soccorsi. I medici del Suem arrivati sul posto hanno stabilizzato il giovane che è stato trasportato in ospedale
Al corteo, che si sta svolgendo sotto una pioggia battente, partecipa la segretaria del Pd, Elly Schlein
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved