‘Ndrangheta, l’Ordine di Malta: “Nicolino Grande Aracri non è un nostro membro”

"E' da escludere che un appartenente alla criminalità organizzata possa essere chiamato a far parte del nostro Ordine"

Nicolino Grande Aracri, boss della ‘ndrangheta che secondo alcune indiscrezioni starebbe ora collaborando con la giustizia, non fa parte dell’Ordine di Malta. E’ quanto precisa lo stesso Smom, acronimo di Sovrano Ordine di Malta, in riferimento ad alcune notizie diffuse nei giorni scorsi da alcuni organi di stampa. Tale informazione – sottolinea una nota – “è falsa e infondata”, come già lo stesso Ordine di Malta ha peraltro più volte comunicato in precedenza con varie smentite. Il Sovrano Ordine di Malta è un ordine religioso laicale della Chiesa Cattolica ed Ente di diritto internazionale, fondato quasi mille anni fa e “non ha alcuna relazione con organizzazioni di stampo criminale”.

“I membri dell’Ordine di Malta – rimarca la nota – vengono ammessi in base ad una precisa, lunga ed attenta selezione. E’ da escludere che un appartenente alla criminalità organizzata possa essere chiamato a far parte del nostro Ordine. Ci preme ribadire che ci sono persone ed organizzazioni in diverse parti del mondo che fanno uso del nostro nome o di nomi similari al nostro per perseguire soprattutto scopi di lucro. Questi organismi oltre a creare equivoci e confusione, danneggiano la buona fede di quanti vi finiscono coinvolti”.

“I membri dell’Ordine di Malta – rimarca la nota – vengono ammessi in base ad una precisa, lunga ed attenta selezione. E’ da escludere che un appartenente alla criminalità organizzata possa essere chiamato a far parte del nostro Ordine. Ci preme ribadire che ci sono persone ed organizzazioni in diverse parti del mondo che fanno uso del nostro nome o di nomi similari al nostro per perseguire soprattutto scopi di lucro. Questi organismi oltre a creare equivoci e confusione, danneggiano la buona fede di quanti vi finiscono coinvolti”.

LEGGI ANCHE | Si pente il boss Grande Aracri, Nicaso: “I colletti bianchi tremano, ma occorre molta pazienza”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved