Calabria7

‘Ndrangheta, Morra: “Sviluppo e legalità per mandarla al diavolo”

“Siamo a favore di uno sviluppo del territorio nel rispetto della legalità e di conseguenza mandando a quel paese la ‘ndrangheta”.

Lo ha affermato il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, oggi a Polistena insieme al ministro dell’istruzione Lorenzo Fioramonti, per un protocollo d’intesa fra il Miur e la Commissione antimafia sull’utilizzo dei beni confiscati per l’alternanza scuola-lavoro.

“E’ una giornata molto importante – ha spiegato – anche perché questi territori hanno necessità di capire che lo Stato sta investendo sulle iniziative che sono nate con spontaneità, ma anche con lungimiranza, tenacia e testardaggine anni fa; sono state ogni tanto ricordate, ogni tanto dimenticate, noi oggi vogliamo far capire a questi territori che lo Stato fa una decisa scelta di campo”.

Morra ha poi detto che “dovrà essere il mondo della produzione a rispettare il mondo della formazione, senza alcuna subalternità della scuola nei confronti della logica del profitto che pare pervadere il mondo della produzione. Vogliamo anche – ha spiegato – proporre come modello quello dell’economia sociale, della cooperazione, in cui non si tenta di distruggere l’altro per aumentare i propri profitti ma si cerca di crescere insieme all’altro perché insieme si può”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

‘Ndrangheta, Santelli (FI): “Colpiti al cuore i clan vibonesi”

manfredi

Istruzione e regionalismo differenziato, Conte tenta di salvare la Calabria

manfredi

M. Costanzo a Bosco: “Convenzione con canile Metauria firmata da amministrazione Olivo”

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content