Calabria7

‘Ndrangheta: blitz di Carabinieri e Polizia in Emilia Romagna, 10 misure cautelari

operazione Perseverance

La polizia di Reggio Emilia ed i carabinieri di Modena stanno eseguendo dieci misure cautelari nell’ambito di un’operazione contro la ‘ndrangheta, nome in codice “Perseverance”. Si tratta di sette custodie in carcere, due domiciliari e una misura interdittiva, disposte dal gip di Bologna su richiesta della Dda.

L’accusa è associazione di tipo mafioso finalizzata, tra l’altro, all’attività di recupero credito di natura estorsiva e al trasferimento fraudolento di valori mediante l’attribuzione fittizia della titolarità o disponibilità di denaro, beni o altre utilità, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniali, o di agevolare la commissione di riciclaggio e di reimpiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, anche tramite falsità ideologiche in atti pubblici commesse da pubblici ufficiali e da privati. Sono in corso 35 perquisizioni nelle province di Reggio Emilia, Modena, Ancona, Parma, Crotone, Milano, Prato, Pistoia e Latina. Sono 29 gli indagati, tutti italiani.

Bonaccini: “Sostegno agli inquirenti”

“A nome della comunità regionale, voglio ringraziare gli inquirenti e gli agenti impegnati nell’operazione contro la ‘ndrangheta in Emilia-Romagna, che da questa mattina all’alba sta portando ad arresti e perquisizioni in province emiliane e di altre regioni, per ipotesi di reato che vanno dall’associazione di stampo mafioso all’estorsione e riciclaggio. In particolare, alla Procura della Repubblica di Bologna – Direzione Distrettuale Antimafia, al Comando provinciale di Modena dell’Arma dei carabinieri e alla polizia di Reggio Emilia”.

Così il presidente della Regione, Stefano Bonaccini: “Non deve mai mancare il sostegno a chi ogni giorno si batte per prevenire ed estirpare presenza e consolidamento di mafie e criminalità organizzata, che nella quotidianità deve essere accompagnato dall’impegno di tutti, istituzioni e cittadini, per il rispetto e la promozione della legalità e del convivere civile. Come Regione – chiosa Bonaccini – prosegue la nostra stretta collaborazione con le autorità inquirenti e le Prefetture su questo fronte”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Bancarotta fraudolenta e truffa, in manette due imprenditori cosentini

Damiana Riverso

Faust, revocati gli arresti domiciliari al sindaco di Rosarno

Mimmo Famularo

Incendio di una bisarca nel Vibonese, intervento dei Vigili del fuoco

Damiana Riverso
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content