‘Ndrangheta: operazione “Ragno” contro il clan Soriano nel Vibonese, chieste 6 condanne

Dure richieste di condanna in Corte d’Appello a Catanzaro per gli imputati del processo nato dall’operazione antimafia denominata “Ragno” contro il clan Soriano di Filandari scattata nel novembre del 2011

Dure richieste di condanna in Corte d’Appello a Catanzaro per gli imputati del processo nato dall’operazione antimafia denominata “Ragno” contro il clan Soriano di Filandari scattata nel novembre del 2011.

La Procura generale di Catanzaro ha chiesto le seguenti condanne: 16 anni e 3 mesi di reclusione per Leone Soriano; 16 anni ed un mese per Gaetano Soriano (fratello di Leone); 13 anni e 6 mesi di carcere per Carmelo Soriano (figlio di Gaetano); 14 anni per Giuseppe Soriano (figlio dello scomparso Roberto Soriano); 3 anni e 4 mesi per Graziella Silipigni (madre di Giuseppe Soriano); 9 anni ed 8 mesi per Giuseppe Parrotta. Associazione mafiosa, estorsione, detenzione illegale di armi e danneggiamenti i reati, a vario titolo, contestati. L’inchiesta “Ragno” ha permesso di ricostruire – coordinata dall’allora pm della Dda di Catanzaro, Giampaolo Boninsegna, e condotta sul campo dai carabinieri della Stazione di Vibo guidati dall’allora comandante Nazzareno Lopreiato – gli affari e gli assetti della “famiglia” Soriano di Pizzinni di Filandari.

La Procura generale di Catanzaro ha chiesto le seguenti condanne: 16 anni e 3 mesi di reclusione per Leone Soriano; 16 anni ed un mese per Gaetano Soriano (fratello di Leone); 13 anni e 6 mesi di carcere per Carmelo Soriano (figlio di Gaetano); 14 anni per Giuseppe Soriano (figlio dello scomparso Roberto Soriano); 3 anni e 4 mesi per Graziella Silipigni (madre di Giuseppe Soriano); 9 anni ed 8 mesi per Giuseppe Parrotta. Associazione mafiosa, estorsione, detenzione illegale di armi e danneggiamenti i reati, a vario titolo, contestati. L’inchiesta “Ragno” ha permesso di ricostruire – coordinata dall’allora pm della Dda di Catanzaro, Giampaolo Boninsegna, e condotta sul campo dai carabinieri della Stazione di Vibo guidati dall’allora comandante Nazzareno Lopreiato – gli affari e gli assetti della “famiglia” Soriano di Pizzinni di Filandari.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Depositata la richiesta firmata dal gruppo consiliare del Pd e dai capigruppo del Movimento Cinquestelle e del Misto
Il format, con la presenza di alcuni protagonisti della salute, della sanità e dello sport, prevede  due panel dal 24 al 29 maggio
Il ricordo dell'ufficiale dei carabinieri, tra i pochi di cui il giudice si fidava: "In macchina avrei potuto esserci anche io se non fossi tornato prima in Sicilia"
E' accusato di tentata estorsione: avrebbe anche rovesciato una bottiglia di benzina sulla madre minacciandola di darle fuoco
Era stata presentata dalla Direzione distrettuale antimafia. Non si ripartirà da zero: dichiarati efficaci tutti gli atti compiuti finora
Attivo nel settore del commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, il profilo criminale emerso nelle operazioni “Il Padrino” e “Gotha”
rinascita scott
La Corte d'assise di Catanzaro ricostruisce uno dei più efferati fatti di sangue commessi nel Vibonese dalla 'ndrangheta. Decisiva anche un'intercettazione
LA SENTENZA
La Corte di appello di Catanzaro ha riformato la sentenza di primo grado nei confronti dell'imputato accusato di maltrattamenti e lesioni
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved