Calabria7

‘Ndrangheta, sequestrati beni per 2,8 milioni di euro a imprenditore reggino

imprenditore reggino

La guardia di finanza di Verona, nell’ambito di un’indagine antimafia della procura di Reggio Calabria, ha proceduto al sequestro di beni per 2,8 milioni di euro a un imprenditore reggino da tempo stabilitosi e attivo nella provincia di Verona, già arrestato in passato per associazione mafiosa. Tra i beni sequestrati sedici fabbricati e un terreno tra i comuni veronesi di Nogarole Rocca e Villafranca di Verona, a cui si aggiungono più di un centinaio di automezzi.

L’uomo è risultato coinvolto, poiché ritenuto affiliato alla cosca “Pesce” di Rosarno, nell’operazione “Porto franco2” eseguita nel 2014 dalla Dda di Reggio Calabria nei confronti della stessa cosca operante principalmente nella piana di Gioia Tauro. Un’altra operazione della Guardia di Finanza aveva inoltre accertato che le aziende di trasporto che facevano capo alla stessa persona erano solite approvvigionarsi di carburante acquistato in nero e che, in particolare, la cosca partecipava al contrabbando di gasolio.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Avverte malore e muore in auto, in mattinata aveva ricevuto la seconda dose di vaccino

Mirko

Decreto Calabria bis, via libera dalla Camera. Il testo passa al Senato

bruno mirante

Sindaco vieta vendita di bibite in vetro a Soverato, Tar annnulla ordinanza

Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content