‘Ndrangheta, testimone giustizia denuncia abbandono Stato

Donna aggredita a Soverato

Protesta stamane del testimone di giustizia vibonese, Michele Tramontana, costretto ad accettare la fuoriuscita dal programma di protezione e che entro il 30 giugno dovrà lasciare la casa senza che lo Stato – a suo dire – abbia mantenuto gli impegni presi. Nel corso di una conferenza stampa convocata nello studio del suo avvocato, Giovanna Fronte. Il testimone di giustizia (imprenditore nel settore del legno) che ha portato nel 2009 all’operazione antimafia “Pinocchio” contro alcuni imputati accusati di usura (il processo è ancora in corso dinanzi al Tribunale di Vibo), ha dichiarato di essere stato abbandonato dallo Stato, dal Ministero dell’Interno e dal servizio di protezione.

Nel frattempo è stato destinatario di minacce di morte e costretto a rinunciare al ricorso al Tar in cambio dell’acquisto da parte del Demanio degli immobili siti a Rombiolo (VV) di proprietà della madre. Con tali somme (mai arrivate), Tramontana avrebbe dovuto realizzare la nuova casa dove sistemare moglie e figli e lasciare l’immobile attualmente occupato, avendo quindi il tempo per riorganizzare la vita della propria famiglia fuori dal programma di protezione. Impegni non mantenuti dallo Stato, in quanto alla madre di Tramontana non sono state ancora liquidate le somme dell’acquisizione dell’immobile, così come non sono mai state corrisposte le somme dovute a titolo di arretrati trattenute dal Servizio centrale di protezione.

Nel frattempo è stato destinatario di minacce di morte e costretto a rinunciare al ricorso al Tar in cambio dell’acquisto da parte del Demanio degli immobili siti a Rombiolo (VV) di proprietà della madre. Con tali somme (mai arrivate), Tramontana avrebbe dovuto realizzare la nuova casa dove sistemare moglie e figli e lasciare l’immobile attualmente occupato, avendo quindi il tempo per riorganizzare la vita della propria famiglia fuori dal programma di protezione. Impegni non mantenuti dallo Stato, in quanto alla madre di Tramontana non sono state ancora liquidate le somme dell’acquisizione dell’immobile, così come non sono mai state corrisposte le somme dovute a titolo di arretrati trattenute dal Servizio centrale di protezione.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Ignoti hanno vandalizzato l'asilo nido comunale inaugurato di recente. Danneggiate due porte d’ingresso alla struttura e una finestra
"La famiglia aveva la certezza assoluta che Denis non si fosse suicidato e anch’io ne sono sempre stato convinto"
Concessione di un contributo straordinario per gli interventi di rimozione e smaltimento dei rifiuti spiaggiati
"Senza manutenzione il Crati resta una bomba ad orologeria che va disinnescata andando oltre i grovigli normativi"
Il progetto “eyes on the park” prevede un avanzato sistema di videosorveglianza a protezione di tutte le aree del parco
L’obiettivo principale è quello di riuscire a creare occupazione con la riscoperta di antichi mestieri
Curto è l’uomo che aveva inviato il messaggio "ho una maglietta bianca" che ha causato lo scambio di persona con Davide
Il cognato della vittima Damiano Bevilacqua, di 31 anni, è stato arrestato qualche giorno dopo il delitto, a Catanzaro, a casa di un parente
Batosta per centrosinistra alle amministrative. Vittoria solo a Vicenza con Possamai. Exploit centrodestra ma elevato astensionismo
Una donna italiana di 45 anni ha accoltellato la scorsa notte il compagno, un 35enne di nazionalità rumena
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved