Neonato in terapia sub intensiva rapito dall’ospedale: portato via dal padre

L’uomo ha aggredito un infermiere. I genitori sono noti alle forze dell’ordine e temevano che gli venisse tolto il piccolo
neonato ustionato

In Toscana le forze dell’ordine sono alla ricerca del neonato portato via dal reparto di terapia sub intensiva dell’ospedale Santa Chiara di Pisa mercoledì scorso, il 28 febbraio. Il piccolo, nato il 21 febbraio, ha bisogno di cure. Il padre di origine straniera che lo ha portato via dalla struttura ha minacciato un infermiere che cercava di fermarlo prima di consegnarlo a un conoscente.

Il neonato ora sarebbe con la madre che temeva che le venisse tolto il piccolo come accaduto con altri figli dati in affidamento, visto che la coppia è nota alle forze dell’ordine ed era partita una segnalazione per il quadro sanitario del bambino. Il papà e la mamma avrebbero dovuto incontrare gli assistenti sociali, anche se non risultavano ancora provvedimenti restrittivi. La donna non si trova in città e si sospetta che abbia raggiunto la provincia di Grosseto, riferisce La Nazione. (AGI)

Il neonato ora sarebbe con la madre che temeva che le venisse tolto il piccolo come accaduto con altri figli dati in affidamento, visto che la coppia è nota alle forze dell’ordine ed era partita una segnalazione per il quadro sanitario del bambino. Il papà e la mamma avrebbero dovuto incontrare gli assistenti sociali, anche se non risultavano ancora provvedimenti restrittivi. La donna non si trova in città e si sospetta che abbia raggiunto la provincia di Grosseto, riferisce La Nazione. (AGI)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
Romano Bucci: "Si è trattato di uno scontro di gioco su un cross, uno dei due ragazzi intervenuti ha avuto la peggio con un trauma cranico"
Tra le Regioni con performance ‘intermedie’ nella spesa sviluppo software figura anche la Calabria
l'inviato
Sotto osservazione l’impianto consortile di Acquaro, Arena e Dasà da cinque anni fermo e quello di Pizzo che vomita in mare di tutto
Segnalata diverse criticità nel Catanzarese. I vigili del fuoco impegnati senza sosta anche in provincia di Cosenza
Nei nosocomi San Giovanni di Dio e Mesoraca i reparti allocati al settimo e al secondo piano. Con guasti frequenti agli ascensori
Dietro il giovane si vedono una persona ferita gravemente a terra e i soccorritori che cercano di aiutarla
E' l'iniziativa dell'organizzazione di volontariato "Basta vittime sulla Strada statale 106"
In questa struttura convergono diverse Unità operative: dalla chirurgia alla oncologia, dalla alla radioterapia alla radiologia
Molte le persone che hanno approfittato del caldo per riversarsi in spiaggia e fare il bagno in un mare dalla temperatura gradevole
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved