Neonato trovato morto in uno zaino tra gli scogli di Villa San Giovanni, la nonna resta in carcere

Lo ha stabilito il gip Giovanna Sergi che ha convalidato il provvedimento di fermo e ha emesso una misura cautelare in carcere
cristianesimo

Resta in carcere la nonna del neonato trovato morto all’interno di uno zaino abbandonato domenica scorsa tra gli scogli di Villa San Giovanni, nei pressi degli imbarcaderi. Lo ha stabilito il gip Giovanna Sergi che ha convalidato il provvedimento di fermo emesso mercoledì dalla Procura di Reggio Calabria ed ha emesso, su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, dell’aggiunto Walter Ignazitto e del pm Tommaso Pozzati, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere confermando l’impianto accusatorio. 


    La donna, madre della tredicenne con deficit psichico che ha partorito il piccolo, secondo la ricostruzione fatta dalla Squadra mobile e dai carabinieri, subito dopo il parto si sarebbe adoperata per riporre il piccolo appena nato, all’interno di uno zainetto per abbandonarlo poco dopo sulla scogliera antistante il lungomare di Villa San Giovanni. 


    La donna, madre della tredicenne con deficit psichico che ha partorito il piccolo, secondo la ricostruzione fatta dalla Squadra mobile e dai carabinieri, subito dopo il parto si sarebbe adoperata per riporre il piccolo appena nato, all’interno di uno zainetto per abbandonarlo poco dopo sulla scogliera antistante il lungomare di Villa San Giovanni. 

Il ruolo della madre e della nonna


    Dall’inchiesta sarebbe emerso che la minorenne è stata aiutata dalla madre nelle fasi del parto e che il bambino, trovato ancora con il cordone ombelicale attaccato, è nato vivo. Visionando le telecamere di videosorveglianza sul lungomare villese, inoltre, carabinieri e polizia sono riusciti a dimostrare che lo zaino è stato lasciato tra gli scogli proprio dalla donna, oggi accusata di infanticidio in condizioni di abbandono materiale e morale. Donna che, durante l’interrogatorio di garanzia, si è avvalsa della facoltà di non rispondere. 
    Mentre la Procura ordinaria prosegue le indagini per verificare se ci sono altre responsabilità, va avanti anche l’altro filone dell’inchiesta, coordinata dal procuratore dei minorenni Roberto Di Palma e dal sostituto Giuseppe Creazzo che stanno individuando chi è il padre del neonato. (Ansa)
   

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Confermato l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Francesco Putortì, indagato per omicidio e tentato omicidio
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved