Neri: “Sgombero tendopoli San Ferdinando atto necessario”

droga San Ferdinando

Il segretario-questore del Consiglio regionale Giuseppe Neri ha parlato della tendopoli di San Ferdinando, ormai sgomberata e, negli ultimi tempo, teatro di morte.

“Lo sgombero della baraccopoli di San Ferdinando segna un passaggio di umanizzazione per uomini e donne, per anni, costretti a vivere al di sotto della soglia della decenza”.

“Lo sgombero della baraccopoli di San Ferdinando segna un passaggio di umanizzazione per uomini e donne, per anni, costretti a vivere al di sotto della soglia della decenza”.

“Un atto non solo altamente simbolico -ha proseguito- ma fortemente necessario dopo il ripetersi di tragedie evitabili e prevedibili. Era diventata la baraccopoli della morte, quella location cupa, sporca e a tratti inaccessibile. Forze dell’Ordine costrette ad intervenire in situazioni borderline e Vigili del Fuoco esposti piu’ del dovuto, per garantire sicurezza, prevenzione ed interventi di soccorso. Poca sicurezza, criticita’ igienico-sanitarie e diritti umani calpestati, quadro desolante per immigrati alla ricerca di un posto caldo e un tetto per dormire.

E le facili ed improvvisate valutazioni sul come e perche’ fossero diventate stanziali intere famiglie, non sono quasi mai state accompagnate da soluzioni risolutive. Quella di oggi lo e’. Lo sgombero della baraccopoli, dopo tre morti in un anno – sottolinea Neri – potrebbe rappresentare il primo passo verso un processo di normalizzazione. Ma accanto a questo occorre una presa di coscienza forte per attuare provvedimenti che possano garantire una forma di aggregazione sociale diffusa. Ed in questo devono assolutamente essere coinvolte le parti sociali. Interessante, prosegue l’esponente politico, sarebbe l’idea – proposta da una sigla sindacale reggina – dell’installazione di moduli abitativi nelle aziende del territorio che avessero voluto aderire ad un progetto di integrazione sociale e lavorativa.

Ossia moduli abitativi destinati ai lavoratori immigrati, per superare o alleggerire anche l’affollamento della tendopoli, che avessero voluto intraprendere un percorso lavorativo con le imprese della piana di Gioia Tauro, proprio per favorire un percorso di de-ghettizzazione e l’inibizione di un caporalato diffuso. Era giusto, e cristianamente imprescindibile – conclude Giuseppe Neri – restituire ai migranti una condizione di dignita’ personale, che piu’ volte ha sfidato la nostra coscienza”.

Redazione Calabria 7

(Foto Ansa)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La Cgia di Mestre denuncia il fenomeno della crescente presenza nel settore di installatori, sprovvisti dell'adeguata formazione obbligatoria
Gli imputati dovranno pagare anche una provvisionale di 50 mila euro per i genitori e 10 mila euro per il fratello
Le piattaforme procurano volontà di passare sempre più tempo online, astinenza quando si è offline e fallimento nel controllo del tempo
“In questo anno e mezzo di governo, traspare il solito odio rosso senza vergogna. Una vera e propria escalation di insulti ai danni della presidente”
Vittima e aggressore sono già stati indagati nell'Operazione Tritone. Dietro il tentato omicidio l'ombra della mafia nel settore degli autospurghi
Gli amministratori comunali si sono confrontati con i partner del progetto "La Città della Cultura". Il sindaco: “Vogliamo essere pronti"
“L’idea del Governo di realizzare nella zona di Alli di Catanzaro un CPR si pone in modo netto contro le aspirazioni di crescita della città”
La candidatura del presidente della Regione era stata anticipata. "Ho deciso di dare una mano al ministro", aveva detto
La donna ha anche aggredito un’impiegata che ha cercato di fermarla. I danni complessivi sono stati di circa 1.500 euro
Il deceduto è di nazionalità georgiana ed è stato trovato vicino ai bagni pubblici. Gli inquirenti hanno disposto l’autopsia
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved