Calabria7

Niente “miracolo” a Napoli, non si scioglie il sangue di San Gennaro

Il 16 dicembre è la data in cui si attende la liquefazione del sangue di San Gennaro. Ma il “miracolo” non si è rinnovato A comunicarlo è stato l’abate della Cappella di San Gennaro del Duomo di Napoli, monsignor Vincenzo De Gregorio, al termine della messa della mattina: “Quando abbiamo preso la teca dalla cassaforte – ha spiegato l’abate – il sangue era assolutamente solido e rimane assolutamente solido“.

La liquefazione avviene dal 1389, anno in cui per la prima volta il “miracolo” è stato attestato. Ma cosa è accaduto in passato quando il sangue è rimasto solido? Nel settembre del 1939 è scoppiata la seconda guerra mondiale, nel 1943 è stata la volta dell’occupazione nazista. Ancora, nel 1973 c’è stata poi l’epidemia di colera mentre nel 1980 il drammatico terremoto in Irpinia. Insomma, la mancata liquefazione nella tradizione popolare viene considerata portatrice di eventi nefasti.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

“Il grido del silenzio”: violenza sulle donne, incontro a Montepaone Lido

Maria Teresa Improta

Papa Francesco: “Superare i ritardi nella distribuzione dei vaccini”

bruno mirante

Atto intimidatorio nei confronti di Orsomarso, la solidarietà di Brugnano (Fsp)

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content