Calabria7

No vax ricoverato a Rossano chiede scusa ai medici che lo hanno curato

bimba Corigliano-Rossano

Mario Guaragna paziente non vaccinato ricoverato nell’Ospedale Giannettasio di Rossano, in una lettera, si scusa con il personale sanitario del reparto Covid che lo ha in cura. “Fare queste brevi dichiarazioni – scrive Guaragna – non è cosa facile per chi come me, in tutta coscienza, sente forte il peso della responsabilità di una scelta, tutta personale, che mi ha costretto a chiedere a voi tutti, medici, infermieri, personale sanitario di questa struttura ospedaliera, di sacrificarvi per curarmi da questa patologia pandemica. Voglio ringraziarvi per ciò che avete fatto a noi tutti per quello che state facendo da mesi, all’interno di strutture ospedaliere, nelle quali i rigidi protocolli di sicurezza permettono solo a noi ricoverati di cogliere fino in fondo con quanti sacrifici e quanta professionalità cercate di aiutare chi è stato colpito da questo terribile virus”.

No vax ricoverato chiede scusa ai medici

“Accanto al ringraziamento – afferma l’ex no vax – voglio chiedervi anche scusa, perché se mi sono ritrovato su questo letto e in questa struttura a chiedere il vostro aiuto è anche per colpa mia. Come tanti, molti, troppi, ho coltivato la certezza, figlia della presunzione, di essere “naturalmente” capace di affrontare il virus. Ma ancor più grave è stato l’aver ritenuto valide e fondate scientificamente le affermazioni di quanti, da almeno un anno, ripetono quotidianamente che il vaccino oltre che sia inutile sia anche dannoso: da qui la scelta di non vaccinarmi nei tempi stabiliti. Purtroppo, come molti altri, tali scelte sono state fatali e mi hanno condotto qui, dove ho temuto per la mia vita”.

“E’ un’esperienza drammatica”

“Adesso che il brutto è alle spalle devo dire che porterò con me una esperienza dolorosa e drammatica ma al tempo stesso intensa e straordinaria. Voi tutti siete straordinari verso tutti i vostri ammalati, anche verso coloro che avrebbero, come me, potuto non ammalarsi ed evitare questa sorta di terribile calvario. In un momento come questo, anche evitare di ammalarsi, diventa un dovere civile verso noi stessi, verso gli altri, verso tutti. Spero che queste mie sincere espressioni possano ricompensarvi almeno un pò per i vostri quotidiani sacrifici e – conclude Mario – siano da monito a quanti ancora, purtroppo molti, hanno smarrito il senso profondo dell’amore per la vita propria e di quella degli altri”.

LEGGI ANCHE | Tamponi rapidi finiti, in Pronto Soccorso utenti Covid in attesa infettano i no Covid

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Lotteria Sisal, in provincia di Cosenza vinte una casa e 200mila euro

Maria Teresa Improta

Si scontrò con un’auto a Rende uccidendo quattro ragazzini, condannato per omicidio stradale

Maria Teresa Improta

Coronavirus in Calabria, migliaia di contagi e nove morti. Indice di positività sfiora il 30%

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content