“Non ci fu usura”, il Tribunale di Vibo assolve la madre del boss Pantaleone Mancuso

Accusata dalla nuora Ewelyna Pytlarz, era finita a processo per un presunto caso di usura aggravato dal metodo mafioso. Assolti anche altri due imputati
Tribunale Penale Collegiale di Vibo Valentia

Si è concluso con tre assoluzioni il processo su un presunto caso di usura aggravato dal metodo mafioso che vedeva imputati alcuni componenti della famiglia Mancuso di Limbadi. Il Tribunale collegiale di Vibo Valentia presieduto dal giudice Tiziana Macrì ha infatti prosciolto da tutte le accuse “per non aver commesso il fatto” Giulia Tripodi, 83 anni di Limbadi (difesa dagli avvocati Francesco Capria e Francesca Comito); Roberto Cuturello, 55 anni (assistito dagli avvocati Giovanni Vecchio e Bruno Vallelunga), e Antonio Agostino, 64 anni (difeso dall’avvocato Salvatore Pronestì), entrambi di Nicotera.

Le richieste del pm

Le richieste del pm

Il pubblico ministero Andrea Buzzelli aveva chiesto la condanna a quattro anni e cinque mesi di reclusione per Giulia Tripodi (madre di Pantaleone Mancuso alias Scarpuni) mentre per Cuturello aveva invocato l’assoluzione. Agostino era invece accusato di favoreggiamento e l’ufficio di Procura nei suoi confronti aveva richiesto una condanna a due anni.

Le ipotesi accusatorie

La vicenda giudiziaria traeva origini dalle dichiarazioni rilasciate agli inquirenti da Ewelyna Pytlarz, la testimone di giustizia di origini polacche, moglie uno dei fratelli di Pantaleone Mancuso, Domenico. Secondo l’ipotesi accusatoria la nuora della Pytlarz, Giulia Tripodi, aveva prestato del denaro a usura ad Antonio Agostino mentre Roberto Cuturello si sarebbe occupato della riscossione dei crediti. Fatti che sarebbero accaduti a Limbadi tra la primavera del 2003 e l’estate del 2009. Accuse che non hanno retto al vaglio del Tribunale collegiale di Vibo Valentia che ha, tra l’altro, disposto la restituzione della somma di 85mila euro in contanti sequestrata in casa della Tripodi e fatta ritrovare dalla stessa Pytlarz nel corso di una perquisizione domiciliare.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il garante Muglia: "E' perenne emergenza. Troppi i segnali gravi. Bisogna uscire dal circolo vizioso che esiste da un decennio"
Dalle movimentazioni scoperte sul giro di droga alle missive scritte dal dominus dal carcere: gli ulteriori dettagli dell'inchiesta della Dda
Il leader di Azione a sostegno del candidato a sindaco di Vibo Francesco Muzzopappa, ex leghista con diversi leghisti in lista
Dopo mesi di minacce e vessazioni, la vittima resosi conto dell'inganno, ha sporto querela alla Polizia Postale
L'uomo, 66 anni, era caduto nel pomeriggio di ieri in una roggia ingrossata dalle piogge. Si registrano criticità nelle province del Veneto
La Corte d'appello di Catanzaro ha confermato quasi integralmente la sentenza di primo grado che riguarda anche agenti e mediatori culturali
Ora si attende di capire a chi sarà affidata la squadra in vista delle ultime due giornate di campionato contro Bologna e Monza
Solo poche settimane fa Di Mare aveva annunciato pubblicamente in televisione di essere gravemente malato a causa di un mesotelioma
Il professore ha ottenuto 64 preferenze su 72 voti validi. Resterà alla guida del DISPeS fino al 31 ottobre 2025
storie
Il cognome sembra francese ma egli era italianissimo, meglio: calabresissimo. E' infatti nato a Mongiana
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved